Dodici settimane di gravidanza

Redazione Amando  | 17 Nov 2023

A questo punto hai terminato il primo trimestre di gravidanza. Di solito in questa settimana si avvertono amici e parenti della lieta notizia.

Finalmente hai raggiunto il tuo primo traguardo!! Hai ufficialmente concluso il primo trimestre di gravidanza e il rischio di aborto spontaneo è notevolmente diminuito. I fastidi dell’inizio della gravidanza dovrebbero considerevolmente diminuire e dovresti sentirti molto meglio. Il tuo bimbo è completamente formato e cresce in maniera rapidissima facendo numerosi cambiamenti di giorno in giorno.

1 PER LA MAMMA: COME CAMBIA IL TUO CORPO

Le tue forme sono ulteriormente modificate, il tuo girovita continua a trasformarsi giorno per giorno e diventa sempre più pronunciato il “gonfiore” sulla tua pancia, è il momento in cui si comunica a tutti gli amici più cari e ai parenti che stai aspettando un bambino, poiché come detto il rischio di abortire ormai si è ridotto notevolmente.

Il tuo seno tenderà sempre di più a gonfiarsi e a essere ancora più dolorante, i capezzoli si scuriranno ancora di più, questo è il periodo in cui aumenta il contenuto e l’espressione di melanina sulla tua pelle, potresti così notare che sul tuo volto o in altre parti del corpo la comparsa di macchie scure, che si faranno sempre più pronunciate. E’ importante quindi che tu usi una protezione solare alta sul viso sia quando ti esponi al sole sia quando cammini e sei esposta ai raggi solari della giornata, soprattutto nella stagione estiva.

E’ molto probabile il tuo umore sia migliorato perché i fastidiosi sintomi iniziali sono molto diminuiti. Se però anche durante questa settimana continui ad avere ancora forti nausee e soprattutto vomiti ancora molto, è meglio che ti rivolga al tuo ginecologo per eseguire degli ulteriori accertamenti, a volte può essere misconosciuta una patologia di fondo che ti si manifesta proprio nel periodo di gravidanza come ad esempio un’alterazione dell’ormone della tiroide può dare gli stessi sintomi di nausea e vomito tipici della gravidanza.

Potrebbero aumentare i capogiri, questo perché il tuo sangue continua a diluirsi e la tua pressione arteriosa potrebbe ridursi ulteriormente. Per questo è necessario adottare alcune precauzioni, ad esempio quando fai la doccia non chiuderti a chiave nel bagno e assicurati che ci sia qualcuno in casa con te. Può essere una situazione non molto frequente ma il calore dell’acqua della doccia ha un’azione vasodilatatrice e ciò porta ad un ulteriore diminuzione della pressione sanguigna con conseguenti possibili svenimenti.

Potresti iniziare ad avere la sensazione di gambe pesanti e potrebbero essere più gonfie del solito, anche questi sintomi sono riconducibili alla dilatazione dei vasi sanguigni normalmente presente in questa fase, ma che provoca un travaso di liquidi dai vasi al tessuto circostante con formazione di edema cioè di gonfiore ai piedi e/o alle gambe.

2 IL TUO BAMBINO A 12 SETTIMANE

Il tuo bambino pesa circa 12-15 grammi ed è lungo circa 6,4-9 cm.
Ormai il tuo bimbo è completamente formato, le dita delle mani e dei piedi sono completamente separate l’una dalle altre. I movimenti degli arti si fanno sempre più presenti e corrispondenti alla pressione esercitata sull’utero. Continua a succhiarsi il pollice. Beve il liquido amniotico e lo trasforma in urina. Cominciano a formarsi le prime connessioni nervose cerebrali e del sistema nervoso periferico. Il profilo adesso è ben delineato , comincerai a cercare delle somiglianze facciali del tuo bimbo con te e il tuo compagno e piano piano i suoi lineamenti si faranno sempre più visibili dalle ecografie.
Le anse intestinali che precedentemente potevano essere fuori dall’addome e dare il quadro cosiddetto di “ernia ombelicale” sono definitivamente rientrate in sede. I genitali maschili e femminili stanno maturando ulteriormente dando un abbozzo di utero nella femmina e un abbozzo di glande nel maschio.

3 CONTROLLI DA FARE

Ormai hai già eseguito la prima ecografia che ha stabilito il numero di feti, il loro benessere e l’epoca esatta di concepimento del bambino e potresti aver già sentito battere il cuoricino del tuo bambino! Sarà proprio la prima ecografia a stabilire la data esatta dell’ultima mestruazione e se anticipata o posticipata rispetto a quello che tu hai riferito, sarà proprio la data fornita dall’ecografista durante la tua prima ecografia ad essere quella che tu dovrai poi dire nei mesi successivi durante i vari controlli. Se ancora non hai eseguito la prima ecografia falla al più presto.

Ricapitolando alla fine del primo trimestre devi avere eseguito la prima ecografia, gli esami del sangue e delle urine e se è possibile e non l’hai fatto nei 2 anni precedenti, sarebbe meglio effettuare un pap test.

4 DIETA E BENESSERE

Riducendosi molto il senso di nausea iniziale potrai avere ritrovato il piacere di mangiare che forse prima avevi perduto e che magari ti aveva fatto perdere dei chili nelle scorse settimane. Ora puoi mangiare quasi tutto e non avere più fastidi, il bruciore di stomaco però continuerà ad esserci così come il reflusso gastro-esofageo, quindi conviene sempre non abbuffarsi di cibo, soprattutto di quello non sano che è solo calorico e poco nutriente, quindi evita fritture, hamburger, cibi molto conditi. Da preferire le cotture a vapore o sulla piastra con un po’ di olio a crudo. Cerca di ridurre il quantitativo di sale sulle pietanze per non far aumentare la ritenzione di liquidi e ridurre quindi il gonfiore corporeo.

5 I NOSTRI CONSIGLI

Comincia ad informarti sui corsi di preparazione al parto più vicino a casa tua. Sono molto importanti e anche se in questo momento ti sembra lontano il momento del parto, è bene iniziare ad informarti su dove e quando iniziare questo corso. Il corso pre parto molto importante sia perché le ostetriche ti daranno consigli meccanici sul parto ma anche perché sarai sostenuta nelle tue angosce e preoccupazioni che ti assaliranno a fine gravidanza.

Da ora in poi puoi iniziare corsi di yoga per gestanti o di ginnastica dolce o di acquagym, tutte attività che ti aiuteranno a rilassarti e a drenare i liquidi in eccesso. La ginnastica ha soprattutto un ruolo emotivo importante: oltre a rilassare i muscoli, rilassa anche la mente, ti fa bene perché puoi confrontarti con le altre mamme in attesa capendo così che le tue ansie sono quelle di tutte le donne nella tua situazione.

Redazione Amando
Redazione Amando

La redazione di Amando.it è composta da quattro persone, che si occupano di realizzare guide, contenuti e notizie legati al mondo femminile: dalla moda all'oroscopo, dalla salute alle mamme.



Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur