Home » Lui » Mondo maschile » Rapporto tra uomo e il suo pene

Rapporto tra uomo e il suo pene

Simbolo di virilità e strumento di piacere, non solo organo di riproduzione ma portatore di numerosi significati, simbolici e emozionali molto importanti. Gli uomini hanno un rapporto particolare con il proprio pene, lo guardano, gli parlano e a volte coinvolgono la partner in un gioco allusivo. Ma cosa significa?

Rapporto tra uomo e il suo pene

Già Moravia agli inizi degli anni ’70 scrisse “ Io e lui” per descrivere questo rapporto confidenziale e colloquiale che molti uomini hanno con il loro sesso. Per molti è un amico intimo, un confidente, e pare proprio che il pene abbia una personalità indipendente, talvolta difficilmente controllabile. Ma da dove nasce questa sorta di sdoppiamento e il sentire il proprio pene come qualcosa che vive di vita propria? Ovviamente dipende dal fatto che l’erezione non è sempre e del tutto padroneggiabile. Perciò sembra proprio che il pene abbia una sua personalità e un suo volere indipendente.

Valore simbolico

Il pene non è un semplice organo di piacere e riproduzione, ma è portatore di numerosi significati simbolici. I principali sono la virilità, la potenza, l’autoaffermazione e quindi di base l’autostima. Per questo alcuni maschi hanno un’attenzione talvolta esagerata verso questa parte del corpo.
Gli uomini entrano in crisi se per qualsiasi motivo ritengono il proprio pene inadeguato: i disturbi erettivi fanno sentire meno maschi, i confronti di dimensioni turbano e eventuali commenti indelicati anche scherzosi da parte di una donna possono causare dei veri e propri traumi.

Dialogare
Il dialogo tra uomo e pene aiuta a prendere coscienza delle “emozioni del pene”, ovvero la consapevolezza dei propri desideri profondi e delle proprie pulsioni. Quindi della propria sessualità. Più un maschio ha contatto con il proprio organo sessuale, maggiore è la soddisfazione e la sicurezza di se stessi. Ma cosa dicono gli uomini al proprio pene?

Alcuni parlano con il proprio sesso prima o dopo una prestazione sessuale
; c’è chi lo incoraggia a far bene il proprio dovere e chi invece lo insulta dopo una defaillance. È come un modo di addossare all’esterno la responsabilità di alcuni comportamenti di cui ci si vergogna.

Altri hanno bisogno di addormentarsi con la mano sul pene
, perché questo regala sicurezza e autostima; altri ancora lo ammirano e gli fanno i complimenti per la sua bellezza, perché è una forma di auto gratificazione.

Parlarne in terza persona
In presenza di disturbi del pene (disfunzione erettiva, impotenza etc.) molto spesso gli uomini parlano del pene in terza persona, come se volessero staccare da sé questa parte. Ma le donne non sopportano questo tipo di comportamento e spesso diventano offensive e aggressive. Ma chi lo fa, sa di ferire il partner e il problema non risiede nella forma o nella prestazione, ma nella grande aggressività che si nasconde in queste donne.
È fondamentale che la donna mostri apprezzamento per i genitali del compagno, perché questo infonde sicurezza e tranquillità nell’uomo.

Una lettura
Nella “storia del pene, da Adamo al Viagra” di David Friederma si parla della storia del pene come strumento di vita e di piacere, emblema di vergogna e oggi anche “consumatore” di sostanze.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  pene   uomini  
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da Robocell63
     

    Bah :) Ma ancora si dibatte su queste cose? Secondo me, una volta debellato il Clero censurante e inibitore, nella speranza avvenga presto, non esisteranno più problemi, qui in Italia, per assistere ad una sana e disinibente educazione sessuale. Mano a mano che passerà il tempo, già speranzosi, per forza di cose e necessità di crescita culturale, diverremo parte del sociale meno offuscato e più aperto alle normalità dell'essere umano. W l'amore, viva il sesso disinibito e vissuto nella gaiezza di farlo.

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami