Home » Tempo Libero » Viaggi / Vacanze » Vademecum per viaggiare con i bambini

Vademecum per viaggiare con i bambini

L'Ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma ha stilato una serie di regole e consigli per chi va in vacanza con i più piccoli

Vademecum per viaggiare con i bambini

Medici e pediatri sono concordi: viaggiare con i bambini si può, anche quando questi sono molto piccoli, purché si seguano una serie di consigli e di norme fondamentali per la riuscita del viaggio e di un rientro senza sorprese. Una volta scelta la meta, e talvolta anche prima, è importante che i genitori sappiano quali vaccini fare, che farmaci mettere in valigia e che cibi prediligere. Prima di partire, poi, è buona prassi recarsi dal proprio pediatra che saprà informarli e rassicurarli.

Servono vaccinazioni?
Ogni Asl o Ospedale ha un reparto specifico per le vaccinazioni di adulti e piccini, e quando si programma una vacanza all'estero, soprattutto fuori dall'Europa, è fondamentale informarsi se sono necessari dei vaccini. La Sanità Italiana, prevede fin dalla nascita alcune vaccinazioni obbligatorie, mentre altre sono facoltative e quando si esce dal nostro Paese è importante sapere quali malattie sono presenti nel luogo dove si andrà e se ci sono farmaci che possono evitare il contagio. Spesso per chi si reca in Africa o Asia,  i più richiesti sono quelli contro la febbre gialla, il tifo e l'epatite.
Credits: Foto di @freddebackman | PixabayFarmaci da mettere in valigia
Se alcuni Paesi hanno un'ottima sanità e disponibilità di medicinali, quando ci si reca in altri, è fondamentale avere con sé i principali farmaci per le emergenze. Innanzitutto, se il bambino è affetto da una patologia cronica, portare le sue medicine in numero sufficiente; poi è sempre utile avere con sé antipiretici, sali reidratanti (in caso di vomito o diarrea), antistaminici (per le allergie) e pastiglie contro il mal d'auto, repellenti contro insetti e zanzare, creme protettive e pomate per le scottature.

Come comportarsi in caso di caldo/freddo e altitudine
Chi decide di viaggiare con i bambini e sceglie località al caldo deve ricordarsi sempre le regole base: coprire la testa del piccolo, farlo bere frequentemente, proteggere la sua pelle ed evitare di uscire nelle ore più afose della giornata. Attenzione ai colpi di calore, vanno riconosciuti in tempo per intervenire subito.
Anche quando si sceglie una meta alpina, le elevate altitudini e il freddo possono causare problemi. Per prima cosa mai raggiungere quote alte in fretta, ma farlo gradatamente; poi coprire il bambino in maniera adeguata, con abbigliamento tecnico a strati; e proteggere sempre la pelle che con sole e freddo può bruciarsi.

Credits: Foto di @Victoria_Borodinova | PixabayAlimentazione corretta
A seconda del tipo di viaggio e di meta i genitori devono alimentare in modo corretto i propri figli, privilegiando alcuni cibi e facendo attenzione ad altri. In alcuni Paesi extra-europei bisognerebbe evitare frutta e verdura cruda o non sbucciata, latte fresco e uova crude, ed è sempre preferibile mangiare pietanze cotte. Se invece si sceglie una meta italiana è importante far mangiare ai piccoli tanta frutta e verdura, limitando grassi, fritti e cibi troppo elaborati, soprattutto se fa molto caldo e si deve viaggiare a lungo in auto.
Ovunque si vada, bisogna far bere spesso il bambino preferendo acqua in bottiglie sigillate, mai troppo fredda.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  viaggio   vacanze ragazzi  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami