Home » Tempo Libero » Viaggi / Vacanze » Ibiza: l'isola del divertimento

Ibiza: l'isola del divertimento

Ibiza (in catalano Evissa) è l'isola delle Baleari preferita dai giovani: offre mare e spiagge bellissime ma soprattutto tanto divertimento

Ibiza: l'isola del divertimento

Ibiza, chiamata in catalano Eivissa, è da sempre famosa per le meravigliose spiagge e le notti folli.
Ad esempio Ses Salines, comune spagnolo di 3.389 abitanti che sorge alle spalle dell’aeroporto, offre una distesa di sabbia fine e acqua verde-azzurra, dove è possibile lasciarsi trascinare dalla bellezza della natura, accompagnati da musica lounge, e sorseggiare ghiacciati e rinfrescanti cocktail.
Oppure, dirigendosi verso le calette della costa ovest, è possibile immergersi nella tranquillità totale e rendere le proprie vacanze un vero relax. O ancora si può scendere fino a Cala d’Hort, dove si può trovare il giusto mix tra sabbia fine e rocce, e al largo vedere Es Vedrà ed Es Vedranell, particolari scogli abitati solo da capre selvatiche e falchi.


Dopo le spiagge ecco l’ora dei locali e delle discoteche, perché Ibiza è anche terra di discoteche e lunghe notti.
Tra i locali più frequentati possiamo citare “Sa Trinxa" e il "Jockey Club" che offrono un servizio di bar e ristorazione non stop sulla spiaggia, il "Bora Bora" a Playa d'En Bossa, la discoteca “El Divino”, “Es paradis”, “Pacha”, “Space” e molte, molte altre ancora…


Ma Ibiza non è solo spiaggia e non è solo la follia della notte, infatti possiede anche un entroterra tutto da scoprire, fatto di paesi suggestivi e mercatini variopinti.
Ad esempio Dalt Vila, il cuore dell'isola, riconosciuto dall’Unesco come patrimonio dell’umanità, e il punto di partenza per visitarlo è sicuramente il Mercat Vell, ovvero la zona del vecchio mercato, dove è possibile assaporare le tradizionali brioches del Croissant Show o visitare il laboratorio Pedro’s e vedere come ancora oggi si producano a mano sandali e borse di cuoio.

Per gli amanti dell’arte e della storia è possibile visitare la cattedrale barocca che custodisce i retabli, le pale d’altare dipinte, datate 1300 e 1400, o il museo archeologico che conserva statue e reperti di epoca cartaginese.


E per chi è una shopping victim è sicuramente obbligatoria una tappa da Divina, una boutique che vende tipici capi della moda ibicenca, quindi indumenti rigorosamente bianchi, gonne ampie,  sottovesti, magliette e cappelli…
O  ancora i mercatini coloratissimi, nati negli anni ’60 quando questa isola era rifugio degli hippy di tutto il mondo. Il primo tra tutti è il mercato di Punta El Arabi, che si trova ad un quarto d’ora dal centro, e dove è possibile trovare oltre 400 bancarelle di stilisti locali e artigiani che offrono accessori e abiti realizzati a mano, ma anche oggetti provenienti da tutto il mondo come quelli provenienti dall’India.
Altro mercato da visitare è Las Dalias, tutte le domeniche dalle 9 del mattino alle 17 del pomeriggio, qui è possibile trovare vestiti di taglio moderno in tessuti etnici, borse retrò, arazzi, tessuti batik e gioielli d’argento e pietre dure.


Per raggiungere questa meta da sogno è possibile rivolgersi alle compagnie aeree che spesso offrono voli low cost o affidarsi a tour operator, per chi volesse una vacanza fai da te, potrà scegliere tra moltissimi hotel, tra cui parecchi a prezzi convenienti, prenotabili anche online.
Può essere utile, sia che si decida di affidarsi ad un’agenzia sia che chi decida di partire “all’avventura”, di visitare il sito www.turismospagnolo.it.

Di Antonella Napoli © Riproduzione Riservata
TAG  spagna  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami