Home » Tempo Libero » Cinema / Tv » Tutte le trasformazioni di Angelina Jolie

Tutte le trasformazioni di Angelina Jolie

Prima mora, poi bionda, infine nera corvina. Prima buona, poi cattiva, poi violenta. Nella sua carriera, la compagna di Pitt ha subito infinite metamorfosi

Tutte le trasformazioni di Angelina Jolie

Tutto si può dire tranne che non sia versatile. Angelina Jolie anche per il suo ultimo film, “Maleficent”, si trasforma completamente, svestendo i panni dell’eterea fidanzata di Brad Pitt e vestendo quelli della regina cattiva della favola “La bella addormentata nel bosco”. Pallore spettrale, labbra rosso sangue e copricapo con corna nere: è questa l’ultima versione di Angelina. Ma negli anni, l’attrice, ha provato un po’ tutto, passando dalla parte della regina a quella di spia.


L’Angelina cattiva
Forse “cattiva” lo è stata davvero soltanto nell’ultima pellicola, “Maleficient”. In molti altri casi, invece, è stata semplicemente violenta, astuta, ribelle o severa. La sua carriera di ragazzaccia comincia con il suo primo successo, “Ragazze interrotte” (1999), in cui interpreta una sociopatica, Lisa Rowe, che, in un ospedale psichiatrico, assume il ruolo di leader e di bulla, facendo soffrire le compagne di sventura. In quel caso, la Jolie era bionda, magrissima e con un atteggiamento aggressivo da ribelle.

Diventa combattente senza pietà, invece, nella saga di “Tomb Raider” , in cui interpreta l’eroina dei videogame Lara Croft (tra il 2001 e il 2003). Energia, treccia lunga e abiti attillati hanno dato un grande slancio alla sua carriera. Un ruolo simile, ma forse più da femme fatale, lo ottiene quando il regista Doug Liman le chiede di interpretare la spia in “Mr. & Mrs. Smith”. Mentre nella vita reale scoppiava l’amore tra lei e Brad Pitt, sul set ne dava di santa ragione, con calci e colpi di pistola, a nemici e al marito, appunto, Mr. Smith. In “The Turist”, Angelina Jolie è ancora una volta una donna affascinante . Ex fidanzata di un ricercato, si destreggia tra misteri, location lussuose (da Parigi a Venezia) e ammiratori.
Fisico asciutto , capelli neri e frangia, invece, per “Salt” , il film di Noyce in cui interpreta un’agente della CIA, sospettata di essere un’infiltrata sovietica.



L’Angelina buona
Con quegli occhi azzurri, la pelle di porcellana e un sorriso disarmante, ovviamente Angelina è anche stata chiamata per interpretare ruoli più “gentili”. Nel successo “Il collezionista di ossa” (1999), sboccia definitivamente. Interpreta il ruolo di una poliziotta in divisa, bellissima anche con maglioni maschili. Nel 2004 appare bellissima nel ruolo di Olimpiade, madre di Alessandro Magno (nel film, Colin Farrell). Per il film “A Mighty Heart – Un cuore grande”, stravolge completamente il suo aspetto: deve recitare il ruolo di una vedova afroamericana . La sua pelle viene scurita, diventando appena olivastra, e i suoi lunghi e lucidi capelli marroni diventano riccioli neri. In “Changeling”, film diretto da Clint Eastwood nel 2008, è infine una madre di famiglia, bella ed elegante come le donne degli anni ’20 , con piega sistemata e rossetto.

Di Caterina Michelotti © Riproduzione Riservata
TAG  angelina jolie  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami