Home » Tempo Libero » Cinema / Tv » The Voice 2, ultima puntata di audizioni. Le squadre sono al completo

The Voice 2, ultima puntata di audizioni. Le squadre sono al completo

Si chiudono le "blind audition", i quattro giudici hanno sedici talenti per uno. Ora, si preparano alle sfide

The Voice 2, ultima puntata di audizioni. Le squadre sono al completo

Quinta puntata di The Voice 2 e ultimo appuntamento con le “blind audition”. Le squadre sono ormai al completo, dal prossimo mercoledì cominceranno le sfide tra cantanti. Il primo team “tutto esaurito” è stato quello di J-Ax, che dall’inizio della puntata ha potuto assistere ai provini da spettatore, suggerendo di tanto in tanto agli altri giudici. Sul finire della puntata, quando restavano soltanto due posti nel team della Carrà, le audizioni si sono fatte più dure: o i cantanti convincevano Raffaella, o erano fuori.

Dopo la bocciatura unanime della cantante dei Jalisse, i quattro giudici, inconsapevolmente, hanno scartato altri talenti sanremesi. Uno di questi era Nicolas Bonazzi, che partecipò al Festival con la canzone “Dirsi che è normale”. È andata meglio ad Andrea Ori, ex concorrente di Sanremo, che è passato dalla musica italiana agli ACDC – al provino ha cantato “Highway to hell” – conquistando tutti i giudici.


Ecco chi sono stati gli ultimi concorrenti scelti dai giudici.

  • A J-Ax mancava solo un cantante per completare la squadra. Quando ha sentito Dylan Magon, talento rap e r’n’b, non ha saputo dire di no. La voce di origini mauriziane ha convinto anche gli altri giudici, ma non ha avuto dubbi sul coach che voleva per l’esperienza al talent, cioè lo “zio” Ax.

  • Pelù è il secondo giudice che completa il team composto da sedici concorrenti. Nella quinta puntata si aggiudica Claudia Magrè, 27 anni, sul palco con “Wish you where here”. Suona la chitarra elettrica e, come ha notato J-Ax, la sua voce «è tutta un graffio». Il secondo talento è l’ex sanremese Andrea Ori che, come già detto, ha convinto con un’interpretazione degli ACDC. Azzeccata anche la canzone di Dejanira Giannarelli, che attira da subito l’attenzione di Pelù con “Bring me to life”.

  • Il primo acquisto di Noemi è Lorenzo Pagani, 40 anni, di San Marino. «Finalmente un uomo che canta con voce maschile», esulta la giudice quando sfumano le note di “Come in ogni ora”. La componente successiva della squadra arriva subito dopo. È Angela Pascucci, talento del mondo dei musical, che propone una versione (appunto) da teatro di “Somebody to love” dei Queen. Il team si chiude quando Noemi si aggiudica Andrea Nocera, insegnante di canto che, avventatamente, sceglie un tormentone da cantare e suonare al pianoforte, “Chariot”, di Gavin DeGraw. Il pezzo non piace a nessuno, ma il talento, per il giudice, è indubbio.

  • La Carrà si rivela la più esigente. Quando tutti e tre i colleghi hanno completato le squadre, a lei mancano ancora due posti da occupare. Una scelta impulsiva quella di premere il pulsante rosso sulle prime note di “Treasure”. Quando Raffaella si gira, si trova davanti a una coppia di cantanti, Sara e Marco. Se è delusa, non lo dà a vedere, ma consiglia «Via quella treccia» alla ragazza e «da domani voglio più pancia» all’indirizzo di entrambi. La penultima scelta della Carrà è Valeria Sarto, 18 anni, al suo primo provino. «Per fortuna che l’audizione è “blind”, se ti avessi vista, vestita così, da collegiale…», scherza il giudice, comunque impressionata dalla giovane che interpreta mescolando le voci di Amy Winehouse e Anastacia. L’ultima cantante, invece, è Valentina Ranalli, che canta “Limpido” con grande energia.

Di Caterina Michelotti © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami