Home » Tempo Libero » Cinema / Tv » The Voice 2 terza puntata: la cantante dei Jalisse non passa. Standing ovation per il tale...

The Voice 2 terza puntata: la cantante dei Jalisse non passa. Standing ovation per il talento gospel Esther

Proseguono le blind audition. Mani nei capelli per la voce dei Jalisse "non l'abbiamo riconosciuta", si giustificano i giudici. Standing ovation per un talento dal passato nei gruppi gospel

The Voice 2 terza puntata: la cantante dei Jalisse non passa. Standing ovation per il talento gospel Esther

The Voice 2 giunge alla terza puntata, nonché al terzo appuntamento con le "blind audition", i provini al buio in cui i coach valutano soltanto la voce degli aspiranti concorrenti. Dopo l'inaspettato successo di suor Cristina, non solo tra i giudici, ma anche sul Web, con milioni di visualizzazioni in tutto il mondo, il talent show riprende con nuove forze.

Anche in questa terza puntata non sono mancate le soprese. Guest star tra i concorrenti, Alessandra Drusian, 44 anni, meglio conosciuta come voce femminile dei Jalisse. La cantante ha deciso di rilanciarsi nel mondo della musica, tentando la strada del talent show. Ma nessun giudice si gira per lei. Colpa forse della canzone ("Io canto" della Pausini), forse troppo commerciale per quattro giudici dai gusti un po' più snob. Raffaella Carrà si mangia le mani: «Come ho fatto a non riconoscerla», ripete. Ma Noemi riporta i colleghi all'ordine: «La performance di Alessandra non era all'altezza, qui si giudica il qui e ora, non la carriera precedente».

Toccante anche l'arrivo sul palco di Benedetta Giovagnini, cantante fin da piccola, con un lutto molto difficile da superare sulle spalle. Sua sorella Valentina, scomparsa cinque anni fa a causa di un incidente stradale. Con lei condivideva la passione per la musica. Valentina era anche riuscita a sbarcare a Sanremo con “Il passo silenzioso della neve”.


Ecco chi si aggiunge alle squadre dei quattro coach.

- Noemi, eletta all'unanimità dai colleghi il giudice più esigente, non si lascia scappare Sasha Susino, 21 anni, che spiazza con il brano soul "Nothing's real but love". Buona presenza scenica, «bellissima», come tiene a sottolineare la coach dai capelli rossi, ma soprattutto voce potente. Noemi guadagna anche la diciottenne Giorgia Pino, «timbro eccezionale» secondo Pelù, «voce roca da fumatrice» secondo J-Ax. L'interpretazione personale di "Come foglie" la premia. Si aggiunge anche Federica Graziani, romana di 23 anni, che propone "Una poesia anche per te". Infine arriva Andrea Manchiero, 33enne di Varese, con "Anche per te".

- J-Ax continua a soffiare talenti ai colleghi. Il giudice conquista con aforismi e similitudini lusinghiere. Si aggiudica Valeria Marchetti, 24 anni, rinata dopo un periodo in lotta con il suo corpo, che arriva sul palco con il successo di Adele "One and only". Poi è la volta di Carolina Russi, 21 anni, che canta "Fallin" e, riprendendo la battuta di J-Ax, «trasforma una canzone da centro commerciale in un'interpretazione unica". E' figlia d'arte, sua mamma è la speaker radiofonica Anna Pettinelli, ma non ha bisogno di raccomandazioni: viene promossa a pieni voti anche dal pubblico in sala. Il giudice si prende anche il talento rasta Piero Dread, amante del raggae, che mixa con coraggio "One love" di Bob Marley e "I'm Yours", tormentone di qualche estate fa. Chiude con Debby Lou, che intona "Black Velvet" con voce decisamente "black".

- Raffaella Carrà piace «da 0 a 75 anni», dice J-Ax. Sarà per questo che riesce molto spesso ad avere la meglio sugli altri giudici. Il primo talento che si aggiunge al suo gruppo è Francesco Marotta, 26 anni, con una mamma fan della Carrà e uno stile da hipster. Poi è la volta di Giuseppe Maggioni, insegnante di musica a Bergamo con una band che ripropone i successi dei Queen. Sul palco non si smentisce, proponendo "Don't stop me now" accompagnata con il pianoforte.

- Fa il pieno Piero Pelù, che in questa terza puntata si aggiudica tre talenti. A partire da Elisabetta Gagliardi, che convince con il classico "Amore disperato". La trentenne, capelli biondi e buona presenza sul palco, è anche cantautrice. Poi arriva Esther Oluroro, bresciana di origini nigeriane, gran voce e tanta gavetta nel mondo del gospel. Per il giudice è già una finalista annunciata. Quando canta a cappella azzeccando tutte le note, nessuno riesce più a smentire la previsione. Pelù si prende anche Benedetta Giovagnini che presenta "The blues in the night".

Di Caterina Michelotti © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami