Home » Tempo Libero » Cinema / Tv » Mi chiamo Maya: il film sull'adolescenza - Parte 1 di 2

Mi chiamo Maya: il film sull'adolescenza

Toni cupi e drammatici, una storia profonda fatta di perdite, scoperte, e incomprensioni: stiamo parlando di Mi chiamo Maya, il film che segna l'esordio da regista sul grande schermo di Tommaso Agnese

Mi chiamo Maya: il film sull'adolescenza

Un film sull'adolescenza, che scava a fondo dentro l'animo dei giovanissimi di oggi e riesce a far emergerne situazioni, emozioni e sensazioni che spesso rimangono nel silenzio, causando molte incomprensioni.
Questo e molto altro è Mi chiamo Maya, la pellicola firmata Tommaso Agnese che arriva nei cinema italiani giovedì 7 maggio ed è uno dei film più attesi del mese.


Trama
Niki, 16 anni e Alice, 9 anni. Due sorelle che si ritrovano improvvisamente a dover affrontare una situazione decisamente più grande di loro dopo essere rimaste tragicamente orfane della madre, vittima di un incidente stradale.
Figlie di diversi padri, le due giovani sorelle vengono prese in custodia dai servizi sociali in attesa di essere affidate ognuna al proprio genitore. Ma mentre il padre di Alice è disposto a prendersi cura della propria figlia, quello di Niki non è dello stesso avviso. Determinate a rimanere unite anche in questa vicenda così tempestosa, le due sorelle decidono di scappare dalla custodia dei servizi sociali e di girovagare per la loro città, Roma, che improvvisamente assume le tinte di un luogo sconosciuto, pericoloso, ambiguo.

 

Di Francesca Ferrandi © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami