Home » Tempo Libero » Cinema / Tv » Kung Fu Panda 3: il simpatico Po torna sul grande schermo

Kung Fu Panda 3: il simpatico Po torna sul grande schermo

Pronti per essere catapultati nel magico mondo della Cina in compagnia del simpatico panda Po e di nuovi divertentissimi amici? Kung Fu Panda 3 arriverà nei cinema italiani giovedì 17 marzo!

Kung Fu Panda 3: il simpatico Po torna sul grande schermo

Grandi e piccini tenetevi pronti: giovedì 17 marzo arriverà nei cinema italiani Kung Fu Panda 3, il terzo e divertentissimo episodio delle avventure del tenero e maldestro panda Po. Tra i più attesi di questo marzo 2016 – in particolar modo dai bambini – il nuovo film d'animazione firmato Alessandro Carloni e Jennifer Yuh Nelson promette di divertire, emozionare e commuovere. 

 

 

 

Trama

In Kung Fu Panda 3 ritroviamo il simpaticissimo Po che, dopo aver ritrovato il papà Li, decide di tornare insieme a lui nel suo villaggio di origine. Qui, un paradiso segreto dei panda, il nostro eroe farà la conoscenza di nuovi ed esilaranti personaggi. Ma una terribile minaccia sta per rovinare questo quadretto idilliaco: il perfido Kai, supremo signore della guerra di tutta la Cina, è riuscito a scappare dal regno degli spiriti e, moto da una sete di vendetta, vuole sconfiggere tutti i maestri di kung fu del Paese per impossessarsi del loro chi, l'energia che anima tutte le cose viventi.


Solo il guerriero dragone potrà fermarlo: il nostro Po, spinto dai consigli del maestro Shifu, dovrà diventare un insegnante di kung fu e riuscire a far apprendere l'arte marziale ai suoi nuovi e maldestri amici panda. Riuscirà questa buffa e improvvisata squadra di combattimento a fermare la terribile minaccia di Kai?


Film

Un film che riesce a far divertire, commuovere, sognare ogni bambino, ma che, al contempo, si fa promotore di un chiaro messaggio politico, che ben si riallaccia alle tematiche più calde di questo periodo. Ebbene sì, Kung Fu Panda 3, l'avventura del panda più ingenuo e tenero della storia del cinema, lascia trapelare tra le righe una piena adesione al ddl Cirinnà, soprattutto circa la chiacchieratissima tematica della Stepchild Adoption.


A rivelarlo è lo stesso regista del film, Alessandro Carloni, bolognese emigrato in California: «Nel film è evidente che il panda Po ha bisogno di tutti e due i suoi padri. Cambiare la mentalità – ha continuato – è sicuramente difficile, ma spero che se un bambino vede insieme ai genitori Kung Fu Panda 3 e sente al tg quello che sta accadendo possa capire che non esistono definizioni per descrivere ciò che è la famiglia. Questo film, per esempio, definisce la famiglia su una sola base: l’affetto che si prova l’uno per l’altro. Un panda può essere figlio di un’oca o avere due papà. Non cambia nulla».


Curiosità

Un film d'animazione sulla Cina, ma ideato e prodotto negli Stati Uniti: Kung Fu Panda si è sempre distinto per questa peculiarità del mostrarci un mondo lontano con le tecniche della DreamWorks Animation che noi occidentali ben conosciamo. Per questo terzo episodio, però, il regista Alessandro Carloni ha potuto contare su un aiuto in più proprio dall'Oriente: Kung Fu Panda 3 è infatti il frutto di una coproduzione tra USA e Cina e di ciò il film ne risente molto – positivamente, s'intende.


«Bisogna considerare che Kung Fu Panda – racconta Carloni – è stato un successo in Cina fin dall’inizio, per questo siamo stati subito contenti all’idea di poter lavorare con loro. Sono stati i cinesi a dirci proprio: “Voi ad Hollywood avete un fatto un film sulla Cina che ci è piaciuto tantissimo. Come possiamo lavorare assieme? Come possiamo collaborare?”. Noi allora abbiamo aperto proprio una filiale a Pechino dove i maggiori artisti locali hanno cominciato a lavorare sul nostro film. Il bello è che mentre nei primi Kung Fu Panda i nostri artisti si inventavano le cose sperando fossero corrette, cioè sperando fossero davvero “cinesi”, ora avendo a disposizione artisti locali li abbiamo fatti fare a loro».

Di Francesca Ferrandi © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami