Home » Società » Scuola / Lavoro » Trovare lavoro a 50 anni

Trovare lavoro a 50 anni

Se il mondo del lavoro è spesso chiuso ai giovani perché privi di esperienza, anche chi a 40 o 50 anni decide di rimettersi in discussione ha molte difficoltà. Il mercato del lavoro, soprattutto in Italia è discriminatorio verso chi non è più un ragazzino, anche se dopo i 50 anni una persona ha sicuramente acquisito una tale esperienza sul campo da rivelarsi preziosa per una qualsiasi azienda. Eppure per coloro che devono ricollocarsi è tutto molto difficile.

Trovare lavoro a 50 anni


Prima cosa non demoralizzarsi
Il consiglio degli esperti è soprattutto quello di reagire. È bene evitare di tenersi tutto dentro, come fanno in molti per un senso di vergogna. Parlare con i famigliari o la propria/proprio compagna/o aiuta ad affrontare la situazione in modo obiettivo, a non abbattersi e a evitare di cadere in depressione. Inoltre è importante cercare di relazionarsi con persone che vivono la stessa situazione o iscriversi ad associazioni nelle quali si può trovare un sostegno.

Il curriculum
Per dimostrare di essere ancora validi e desiderosi di mettersi in gioco, anche ricominciando da un livello inferiore, è importante avere un curriculum vitae valido, perfetto dal punto di vista linguistico e grammaticale, chiaro nell’esposizione e aggiornato. Un buon curriculum è una carta di presentazione da non sottovalutare.

Rivolgersi ai centri specializzati
In tutta Italia esistono Centri per l’impiego, strutture che si dedicano al lavoro in tutte le sue forme: offerte, richieste, aiuti per chi cerca un impiego e ricollocazione. Ne esistono numerosi in tutte le città e province, per trovare tutte le informazioni necessarie si può consultare il sito www.centroimpiego.it oppure quello del ministero del Lavoro. Iscriversi a un centro per l’impiego è utile anche per avere l’indennità di disoccupazione.

Associazioni per i managerEx manager che vogliono trovare lavoro a 50 anni
Dirigenti, manager ed ex uomini d’affari hanno maggiori difficoltà a trovare una nuova collocazione lavorativa, proprio a causa delle loro competenze. Si possono rivolgere a strutture che si occupano di trovare adeguate mansioni, spesso sotto forma di consulenze.
Una di queste è Obiettivo 50 Aps, associazione senza fini di lucro che riunisce manager di elevata professionalità e competenza. L’associazione fa da interlocutore tra mondo economico e istituzionale, per favorire l’incontro tra le esigenze di managerialità soprattutto della piccola e media impresa e la disponibilità professionale di manager esperti.


Programmi su misura

Il programma PARI del ministero del Lavoro è rivolto ai lavoratori svantaggiati, definiti in base a regolamenti comunitari e comprendenti anche lavoratori over 45 e over 50 in situazioni di crisi. Viene proposto un doppio canale di reinserimento possibile: la ricollocazione oppure l’autoimpiego, ossia la creazione di imprese proprie, di piccole e medie dimensioni grazie ai sostegni previsti.
È previsto un percorso formativo specifico e personalizzato per il programma di reimpiego, mentre per l’autoimpiego viene fornito un aiuto per capire quanto l’impresa sia realizzabile in base a richieste del mercato e un supporto alla sua progettazione. Oltre a PARI esistono altri programmi varati sia a livello nazionale che Regionale o Provinciale.
Sito del programma PARI: www.italialavoro.it/wps/portal/pari

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da ladigaga
     

    ciao a tutti, verissimo quanto scritto nell'articolo, io ho sperimentato di persona, nn ho perso il lavoro, ma sono in cassa integrazione, nn percepisco più lo stesso stipendio di prima, quando con tanti sacrifici, lavoravo di notte pur di far quadrare un pò tutto, seguire i figli e separarmi.

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami