Home » Società » Scuola / Lavoro » Ritorno a scuola: novità nell'anno del Covid

Ritorno a scuola: novità nell'anno del Covid

Ci siamo quasi, il 14 settembre in molte regioni d'Italia (per qualcuno il 7), le campanelle di milioni di istituti scolastici torneranno a suonare. Ma come funziona la ripresa dopo uno stop di oltre 4 mesi in una situazione in cui il Covid è ancora nell'aria?

Ritorno a scuola: novità nell'anno del Covid

Il 28 agosto 2020 l'Istituto Superiore di Sanità, in accordo con Comuni, Regioni e Province, ha dato il via libera al protocollo per la riapertura delle scuole in un anno particolare a causa delle circolazione e diffusione del Coronavirus.
Era febbraio, quando il governo, ha deciso di chiudere università ed istituti scolastici attivando in alcuni casi la didattica a distanza; da allora si è parlato tanto della riapertura per il nuovo anno 2020-2021 e ora pare che sia stata presa una decisione.
Dal momento che molto probabilmente il virus nei prossimi mesi continuerà a circolare, il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro, ha cercato di sviluppare una strategia nazionale di risposta nel caso vi siano situazioni sospette o confermate, in modo da cercare di rendere il ritorno a scuola sicuro.
Credits: Foto di @chiplanay | PixabayCosa deve fare la famiglia
Il primo step per cercare di contenere la diffusione del virus chiede la collaborazione dei genitori che dovrebbero attenersi a queste semplici regole:

  • Controllare la temperatura quotidianamente e se supera i 37.5° tenere il figlio a casa; inoltre prima di uscire di casa bisogna igenizzare accuratamente le mani e indossare la mascherina.
  • Se i bambini e ragazzi hanno sintomi quali tosse, diarrea, mal di testa, vomito, dolori muscolari o se sono entrati in contatto con un caso accertato di Coronavirus, non bisogna mandarli a scuola.
  • La famiglia deve fornire alla scuola i nominativi delle persone da contattare in caso il figlio non si senta bene durante l'orario scolastico.
  • Ogni bambino dovrebbe avere la propria bottiglietta di acqua o borraccia dotata di nome e cognome per evitare lo scambio con i compagni.
  • I bambini, sebbene su questa cosa ci siano ancora dubbi in merito, devono possedere una mascherina pulita nello zaino e un sacchetto dove riporla. Al rientro a casa i dispositivi vanno gettati o lavati se si tratta di mascherine riutilizzabili.
  • Ribadire ai figli l'importanza di lavarsi spesso le mani durante l'orario scolastico, di mantenere le distanze, di indossare la mascherina, di non toccarsi naso, occhi e bocca e di non scambiarsi penne se non dopo averle igienizzate.


Credits: Foto di @Alexandra_Koch | Pixabay I compiti dell'istituto
Affinché il ritorno a scuola non si trasformi in un disastro e si sia costretti a un nuovo lock down anche gli istituti devono attenersi alle regole del protocollo.
Ecco cosa è previsto in determinati casi.

  • Nel caso uno studente, un insegnante o un collaboratre scolastico risultino positivi sarà decisione del dipartimento distrettuale di Salute a decidere se prescrivere la quarantena a tutti gli studenti, insegnanti e operatori. La chiusura dell'istituto dipende dal numero di casi presenti.
  • Per un ritorno a scuola in sicurezza in questo periodo di Covid, se lo studente mostrerà sintomi sopsetti nell'orario scolastico, l'istituto verrà isolato in un'area apposita, assistito da un adulto dotato di mascherina e immediatamente verranno avvisati i familiari che dovranno contattare il medico di famiglia. Sarà lui, poi a valutae se effettuare un tampone.
  • In caso di tampone positivo verranno individuati tutti i contatti dell'alunno e valutare se mettere in quarantena la classa; in ogni caso dovrà essere fatta una sanificazione straordinaria.
  • Infine sarà necessario nominare un referente scolastico che dovrà segnare su un registro apposito eventuali contatti tra alunni e persone di classi differenti e indicare eventuali assenze per motivi riconducibili al virus.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami