Home » Società » Scuola / Lavoro » Psicologo per cani

Psicologo per cani

Un valido aiuto nell'educazione del cane, per il suo e nostro benessere

Anche i nostri amici a quattro zampe possono avere bisogno di uno psicologo! Ed in particolare i cani, che possono aver paura del temporale, dei botti o dei rumori in generale, oppure non riescono a stare soli e se non hanno compagnia si disperano fino a ferirsi. Ancora c'è chi morde, ringhia e chi fa pipì in casa contro tende e mobili.
Insomma, dal momento che oggi i cani sono diventati a tutti gli effetti membri delle nostre famiglie, talvolta abbiamo nei loro confronti richieste e pretese non proprio naturali. Per questo quando non riusciamo ad educare il nostro animale domestico, può venirci in aiuto un veterinario comportamentista, ovvero una specie di psicoterapeuta per animali.
Vediamo chi è lo psicologo per cani e cosa fa.


Medicina veterinaria comportale
La medicina veterinaria comportamentale si interessa delle problematiche del comportamento degli animali, dedicandosi alla loro salute fisica e al corretto inserimento sociale. Il medico veterinario comportamentista è dunque la figura di riferimento per disturbi fisici, psichici e di relazione. Ci sono poi istruttori cinofili, educatori cinofili e istruttori riabilitatori comportamentali, che possono affiancare il veterinario quando il problema del cane è di origine comportamentale.
Il veterinario comportamentista è attivo sia sul piano della prevenzione che in ambito curativo; il lavoro di consulenza riguarda progetti di pet therapy, ma anche di prevenzione e cura dei disturbi comportamentali negli allevamenti e nei canili, per facilitare l'inserimento dell'animale in famiglia.

Come funziona
L'incontro con il veterinario comportamentista dura circa un'ora e durante la visita, oltre al colloquio con il padrone, il dottore osserva l'animale e le sue abitudini: come dorme, mangia, di cosa ha paura, come si rapporta con gli altri animali, con il proprietario e le altre persone.
Alla fine della visita si arriva alla diagnosi e si stabilisce un trattamento mirato che potrà consistere in correzioni del comportamento animale da attuare con i soli proprietari o con la collaborazione di un educatore cinofilo.


A cosa serve lo psicologo per cani
I disturbi del comportamento non guariscono spontaneamente, anzi, spesso peggiorano se non si interviene il prima possibile. Prima si arriva ad una diagnosi e si inizierà un percorso di cura e migliori saranno i risultati ottenuti. I principali atteggiamenti disturbanti che può avere un cane e che richiedono l'intervento dello psicologo, sono i seguenti:

  • mancato apprendimento delle regole e conseguente incapacità di trattenere i bisogni in casa o non esecuzione degli ordini ricevuti
  • errori di comunicazione tra essere umano e cane dovuto alla scarsità di regole; talvolta i padroni possono essere troppo accondiscendenti o compensano con attenzioni eccessive il passato difficile del cane
  • difficoltà di integrazione sociale che dà origine a disturbi gerarchici, in cui l'animale non ha comportamenti adeguati alle circostanze quando è con i suoi simili o non riconosce l'autorità del padrone
  • comportamenti indesiderati, anche se normali perché si tratta di animali: scavatura di buche, marcature urinarie, ululati.
  • atteggiamenti anomali che possono essere secondari ad una malattia organica o dovuti a uno stato di disagio psichico, come per esempio ansie che si manifestano con comportamenti ripetuti fino alla sfinimento (leccarsi le zampe fino a provocarsi lesioni, girare come una trottola tutto il giorno etc).

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  cane   animali  
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. salve buonasera, ho un golden retriever di 3 anni che è sempre stato molto legato a noi membri della famiglia (in particolare a me ) e sempre un po' intimidito dagli altri.. andare in giro con lui non mi è possibile tranquillamente perché quando qualcuno si avvicina inizia ad abbaiare e sembrare aggressivo anche se poi in realtà non morde , anche quando ci sono ospiti a casa inizia ad abbaiare e saltare ma poi vuole esser solo coccolato.. insomma.. se conosce con chi ha a che fare è un angelo a chi nn conosce nn permette neanche di avvicinarsi a noi.. vorrei aiutarlo perché so che siamo noi a comportarci in maniera errata perché lui è sempre pronto ad imparare e capire come comportarsi.. in questo caso nn so come calmarlo e renderlo più rilassato.. vorrei poter fare tutto con il mio cane, anche passeggiare in un fiume di gente senza doverlo tenere stretto al guinzaglio! grazie in anticipo da Emma.. ed Amir!!

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami