Home » Società » Scuola / Lavoro » Miniguida per superare un licenziamento

Miniguida per superare un licenziamento

Come non andare in crisi se si viene licenziati.

Miniguida per superare un licenziamento

La situazione attuale nel mondo del lavoro non è delle più rosee: sono sempre di più le persone che vengono licenziate o che perdono il lavoro di colpo.

Ma una volta a casa che cosa dovremmo fare per evitare di andare in crisi e deprimerci?

Ecco una miniguida non solo per trovare un nuovo impiego e ricollocarsi, ma anche per usufruire di alcuni ammortizzatori sociali dedicati ai disoccupati.


Assistenza dopo il licenziamento
Quando si viene licenziati è importante rivolgersi ad un esperto che può indicarci come muoverci, quali diritti abbiamo e i tempi per farli valere. Solitamente ci si rivolge ad un avvocato, un consulente del lavoro o ai sindacati e ai patronati.
Se riteniamo di essere stati licenziati ingiustamente si può fare ricorso entro 60 giorni dalla ricezione della lettera di licenziamento, con un atto scritto in cui il lavoratore indica chiaramente la sua volontà di fare ricorso. Entro 180 giorni da questo atto scritto bisogna depositare in tribunale o comunicare al datore la richiesta di tentativo di conciliazione o arbitrato. Se questi vengono rifiutati o falliscono, il ricorso al giudice deve essere depositato entro 60 giorni dal rifiuto o dal mancato accordo. Se al termine del procedimento viene riconosciuta la non validità del licenziamento, le sanzioni per il datore saranno diverse a seconda della dimensione e della struttura dell'azienda.

Iscriversi ai centri per l'impiego
La cosa importante se si perde il lavoro è non rimanere a piangersi addosso; è fondamentale mettersi immediatamente alla ricerca di qualcosa, anche se non si tratta dell'impiego che sogniamo, ma l'importante è stare sul mercato del lavoro. Passare troppo tempo a casa a rimuginare non aiuta.
La prima cosa da fare è iscriversi a un Centro per l'impiego, perché per legge i disoccupati hanno diritto a una serie di tutele, ma per avvalersene devono rivolgersi a questi centri oltre che all'Inps.
Per iscriversi a queste liste di mobilità bisogna fare domanda entro 60 giorni dalla data del licenziamento al Centro di impiego più vicino. Scaduto questo termine non si ha diritto alla lista di mobilità ma ci si può iscrivere per ricercare un nuovo impiego.


Chi può chiedere il sussidio di disoccupazione?
Il sussidio di disoccupazione ordinaria può essere richiesto dai lavoratori licenziati, iscritti alle liste di mobilità o comunque al centro per l'impiego, che hanno almeno 24 mesi di anzianità di assicurazione per la disoccupazione involontaria e cioè che hanno versato almeno un contributo settimanale prima del biennio precedente la domanda e che abbiano versato almeno 52 settimane di contributi nei 24 mesi precedenti il licenziamento. Esiste anche un'indennità di disoccupazione detta a “requisiti ridotti” che riconosce un sussidio anche ad altri lavoratori come quelli stagionali, ma è destinata a sparire dal 2013.
La richiesta di sussidio va fatta dal lavoratore entro 68 giorni dal licenziamento, all'Inps che nel caso di accettazione della domanda eroga al disoccupato una somma mensile pari a una percentuale dello stipendio percepito nei tre mesi precedenti il licenziamento.

Esenzioni per disoccupati
I disoccupati i loro familiari a carico appartenenti a un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 € sono esenti per reddito dal pagamento del ticket per le prestazioni sanitarie. Per usufruirne l'assistito disoccupato deve essere iscritto al Centro per l'impiego e ogni anno autocertificare alla propria Asl la propria condizione, per ricevere uno specifico attestato di esenzione. L'esenzione può essere estesa anche al ticket per i farmaci.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  lavoro   crisi  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami