Home » Società » Scuola / Lavoro » Dog sitter, un lavoro a contatto con gli animali

Dog sitter, un lavoro a contatto con gli animali

Dopo le baby sitter che accudiscono i bambini, i dog sitter si occupano dei nostri cani.

Dog sitter

Moltissimi studenti per guadagnare qualche soldino iniziano a intraprendere questa attività, per poi scoprire che può diventare un vero e proprio lavoro, infatti molti si specializzano e lo trasformano in una professione, magari aprendo un negozio, in cui si offrono anche altri servizi, tra cui la tolettatura.



A chi è adatto il lavoro di dog sitter?

È un lavoro adatto per chi ama profondamente gli animali, il contatto con un cane è diretto, si deve assolutamente entrare in sintonia con lui, saperlo capire, conoscere e rispettare le sue esigenze. Sarebbe molto riduttivo pensare che fare il dog sitter significhi solo prendere il guinzaglio e portare in giro il cane, non è solo quello, ma comprende anche la capacità di capire i bisogni del cane, il suo carattere, saper giocare, dedicargli insomma la giusta attenzione.
Moltissime persone che lavorano o che vanno in vacanza per brevi periodi, si affidano a queste importanti figure di sostegno per la gestione dell’animale domestico.
Fare il dog sitter permette di avere una piccola disponibilità economica, una bella esperienza anche sotto il profilo psicologico e terapeutico grazie al rapporto con un animale, se poi la cosa piace c’è la possibilità addirittura di creare una piccola forma di mini imprenditoria, magari organizzandosi in piccola società con due o tre amici che condividono gli stessi ideali e passioni.
È necessario avere delle specifiche qualità, prima tra tutte, come già detto, l’amore incondizionato per i cani, una grande responsabilità, buone capacità relazionali anche con i padroni, capire anche le loro esigenze, saper assolvere i propri compiti.

Dog sitter
Occorrente del dog sitter
Non dimenticarsi mai inoltre di uscire da casa con tutto l’occorrente: guinzaglio, collare, museruola, e sacchettini! E già i sacchettini per eliminare dalla strada i bisognini dei nostri amici, non andrebbero mai lasciati a casa, occupano poco spazio, qualche sacchettino nella borsa o in tasca ci sta sempre, e si evita di incorrere in facce arrabbiate di chi calpesta ciò che noi non abbiamo raccolto! O peggio si sporcano giardini e prati dove,  con gli stessi diritti, corrono allegri anche i bambini, e non solo i cani!

Dog sitter
Dog sitter come professione
Per ciò che concerne la preparazione si può iniziare da zero, ma meglio sarebbe  magari partecipare a un corso di educazione cinofila, provando a informarsi presso la propria città, diversi centri cinofili li organizzano e partecipare significa capire meglio il rapporto che esiste tra uomo e cane. Tali centri possono poi rilasciare una sorta di patentino “conduttore cinofilo”, il quale non ha valore legale, ma attesta comunque un impegno e una minima preparazione.
Poiché si è toccata, la voce “legale” è necessario dire che, nel momento in cui si ha la responsabilità di un cane, piccolo o grande che sia, nel caso in cui succeda qualcosa non è il padrone a risponderne, ma chi al momento era con il cane.
Come da sentenza pronunciata dalla Corte di Cassazione (n.27872) a seguito di una vicenda di un veterinario che aveva in gestione una pensione per cani, e nello specifico la storia di un simpatico Boxer che aveva smesso di mangiare per la nostalgia dei suoi padroni. Il veterinario invece di mettere al corrente il proprietari del boxer che gli telefonava ogni giorno per avere informazioni sul suo cane,  lo rassicurava informandolo erroneamente sulle ottime condizioni fisiche del cane!
Il comportamento irresponsabile e truffaldino del veterinario è stato condannato dalla Corte di Cassazione, per il danno visibile causato al povero cagnolino, e per il fatto di aver omesso la verità al proprietario.
Dunque come in tutte le professioni è sempre necessario essere trasparenti e comportarsi bene per non causare alcun danno né agli animali e tanto meno ai loro padroni.
Un buon dog sitter, dovrebbe poi informarsi, studiare anche da autodidatta le razze di cani, poiché ognuna ha delle esigenze diverse e ogni cane può essere più o meno giocherellone, più o meno mansueto.

Dog sitter

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami