Home » Società » Scuola / Lavoro » Colleghe vipere: come affrontarle?

Colleghe vipere: come affrontarle?

A lavoro, purtroppo, possono anche crearsi inimicizie e invidie. Soprattutto tra donne, spesso c'è quella gelosa per i tuoi successi, o quella che non perde occasione per sottolineare i tuoi errori. Individuare la “nemica” è fondamentale per correre ai ripari...

Colleghe vipere: come affrontarle?

Ogni persona ha il proprio carattere e anche nel posto di lavoro le tipologie di colleghi sono varie: purtroppo, però, non è raro che si inneschino spirali di maldicenze o atteggiamenti che possono poi sfociare in mobbing.
Ma da dove nasce questa conflittualità? E quali sono le colleghe peggiori?

La collega gelosa
Se hai una collega che spesso non ti saluta, che fa commenti sgarbati o invita tutti a bere il caffè tranne te, manifesta di essere gelosa, magari solo perché ti vesti con maggiore cura, sei pagata meglio o sei simpatica agli altri colleghi.
La gelosia e l'invidia sono sentimenti naturali e positivi, se però servono a migliorarsi e a capire quello che si vorrebbe essere; tuttavia possono nascondere un senso di inferiorità, ansia e bisogno di proteggere le proprie mansioni e ruoli.

Affrontare le colleghe vipere
Quella con poca autostima
Ci sono persone che a causa della loro scarsa autostima cercano di minare il senso di sicurezza degli altri. Questo atteggiamento può derivare dalla relazione che si è avuta con le figure genitoriali e i mancati riconoscimenti dei propri bisogni.

Quella che lotta per la supremazia
Se hai una collega che durante le riunioni non lascia mai parlare gli altri, o non perde occasione per mettere in difficoltà i colleghi davanti a capi e clienti, è probabilmente una persona che lotta per mantenere saldo il suo ruolo e ha paura che qualcuno possa “rubarle” il posto. Si tratta di atteggiamenti che esprimono insicurezza e paura di non essere apprezzate.

Affrontare le colleghe vipere
Come comportarsi
Se ti capita di avere delle colleghe di questo tipo, devi giocare d'astuzia e imparare ad essere costruttiva.
Per prima cosa usa il bon ton e interrompi i conflitti sul nascere; prima di reagire pensa sempre che il suo intento è quello di farci sbottare. Un modo per spiazzarla potrebbe essere quello di complimentarsi per un loro risultato e così ci scrolleremo di dosso le critiche, ma ci trasformeremo in alleate.
Se anche in questo modo la collega ti infastidisce, cerca di non portarti a casa ansie e malumori sfogandoti poi in famiglia. L'ideale sarebbe sdrammatizzare e non coinvolgere parenti e amici in polemiche senza senso.
Infine ricordati che dai dissapori possono nascere delle opportunità perché impariamo a conoscere meglio noi stessi e le nostre capacità. I contrasti mettono a nudo i limiti, ma ci fanno capire che possiamo anche fare di meglio.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  colleghi  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami