Home » Società » Scuola / Lavoro » Cercare lavoro all'estero

Cercare lavoro all'estero

Con la crisi economica non è semplice trovare un posto di lavoro, e non lo è neppure all’estero, a cominciare dagli altri Stati Europei. Tuttavia sono sempre di più i giovani che cercano un impiego fuori dall’Italia, sia che si tratti di un’esperienza temporanea, sia di una prospettiva di lavoro stabile.

Cercare lavoro all'estero


Quali possibilità

Trovare un impiego all’estero è possibile; ci sono i lavori stagionali nei parchi divertimento in Francia, posti da segretaria nella City di Londra, la possibilità di fare la ragazza alla pari negli Stati Uniti, o ancora esperienze di volontariato in Africa. Se l’idea di andare all’estero per lavorare, lontano da casa e in mezzo a persone nuove che parlano un’altra lingua affascina, ecco cosa bisogna sapere.

Le professioni più richieste

A differenza degli Stati Uniti, dove regole e condizioni possono rendere più difficile trovare il lavoro desiderato, l’Unione Europea, incoraggia la mobilità dei lavoratori con un apposito Piano d’azione 2007-2010, che prevede l’eliminazione di ostacoli amministrativi e la sensibilizzazione alle opportunità di lavoro all’estero.
Ogni cittadino europeo ha diritto ad essere assunto negli stati membri alle stesse condizioni dei cittadini locali. Quanto alle posizioni più richieste, secondo gli annunci riportati dal portale Eures (la prima banca dati comunitaria per l’occupazione che riunisce domande e offerte di lavoro in Europa, oltre a fornire informazioni e orientamento), ci sono: analisti di sistemi e programmatori, cuochi, maitre d’hotel, camerieri e baristi, ingegneri e tecnici meccanici, saldatori, commesse, tecnici informatici, aiuti cuoco, ingegneri del software, direttori reparto, vendite e marketing.

Eures per torvare lavoro all'estero
Come cercare

La migliore strategia per cercare lavoro all’estero è quella cosiddetta multicanale, ovvero provare varie strade alla ricerca delle opportunità giuste. Ci si può rivolgere al più vicino centro per l’impiego dove c’è un consulente o referente Eures.
Oppure ci si può rivolgere alle filiali delle agenzie per il lavoro, che effettuano ricerche internazionali con selezioni dall’Italia. Contemporaneamente si può usare internet, consultando i portali internazionali di recruiting online o direttamente quelli dei paesi di destinazione, come anche i siti delle aziende, che permettono di mandare la candidature.

Suggerimenti pratici

Se si è pronti per affrontare questa importante esperienza, Eurocultura fornisce alcuni consigli pratici, molto utili.

  • Quando si parte meglio portare con sé una riserva di denaro sufficiente a mantenersi per almeno un mese.
  • Portare con sé tutta la documentazione necessaria e in regola (curriculum, carta d’identità, tessera sanitaria, carta di credito prepagata e certificati dei diplomi o titoli di studio).
  • Essere coscienti dei problemi che bisogna affrontare, armandosi di pazienza, spirito di adattamento e coraggio.
  • Non esitare a chiedere consigli e informazioni a coloro che possono essere utili per coronare il proprio sogno lavorativo.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami