Home » Società » Scuola / Lavoro » Burnout da smartworking: segnali e suggerimenti

Burnout da smartworking: segnali e suggerimenti

Con l'inizio della pandemia, la diffusione del lavoro da casa aveva soddisfatto diversi professionisti e sembrava non avere controindicazioni. Oggi, invece, a distanza di qualche mese stanno fuoriuscendo i lati oscuri dello smartworking

Burnout da smartworking: segnali e suggerimenti

Con la diffusione del coronavirus a marzo è stato indispensabile, in molti settori, attivare lo smartworking e al di là delle difficoltà inziali di dover gestire lavoro, famiglia e bambini, molte persone apprezzavano questa modalità.
Oggi sono trascorsi circa 6 mesi e pare che quella situazione che si pensava idilliaca si stia trasformando in una fonte di stress eccessiva tanto da parlare di burnout da smartworking.

Secondo una ricerca di Monster.com a soffrire di questa sindrome sono 2 lavoratori su 3, ovvero il 69% e il 20% in più rispetto alle statistiche precedenti al lockdown.
Ma quali sono le cause? E cosa è necessario fare per evitare uno stress professionale eccessivo se si prolunga lo stato di emergenza e le politiche aziendali continuano a favorire il lavoro da casa?


Credits: Foto di @kreatikar | Pixabay
Gli svantaggi di non andare più in ufficio

Sebbene alzarsi la mattina, vestirsi, trascorrere tempo nel traffico e rimanere sul luogo di lavoro a contatto con colleghi e superiori non sempre “simpatici” può in qualche modo generare stress, si è visto che anche lo smart-working ha i suoi lati oscuri da considerare e non sottovalutare.

Per prima cosa l'isolamente domestico, perché se da una parte essere da soli senza rumori di fondo può aiutare a concentrarsi, dall'altra, nella solitudine casalinga mancano quelle “pause caffè” in cui si chiacchiera e distrae che sono indispensabili per aiutare l'attenzione.

Poi c'è una connessione continua, si lavora di più perchè si accende il pc appena svegli e lo si spegne prima di andare a dormire. Che tradotto in numeri, secondo la ricerca fatta da Bloomberg, significa avere una giornata lavorativa che dura da 1 a 3 ore in più, si fanno più call e riunioni e si inviano almeno 8 email fuori dall'orario di “ufficio”.

Lavorare da casa, poi, significa essere ancora più multitasking e mentre si risponde a mail, telefonate o si seguono riunioni si cerca anche di sistemare, cucinare o seguire i figli e ciò alla lunga aumenta la pressione e l'ansia.


Credits: Foto di @candid_shots | Pixabay
Come riconoscere e contrastare il burnout da smartworking

Ma quali sono i segnali evidenti di uno stress da lavoro?
Non riuscire a rispondere e a gestire chiamate, mail e consegne lavorative rende esausti ed il passo successivo spesso è non accettare di fare degli errori, incolpare gli altri ed essere impazienti.
Se a ciò si aggiungono disagio, fatica, insonnia, agitazione e attacchi di panico molto probabilmente si è in piena sindrome da burnout da smartworking.
Per evitare di cadere in questa situazione o per cercare di risollevarsi è importante per chi lavora da casa darsi delle regole e seguirle. Eccone alcune:

  1. Organizzare la giornata dandosi degli orari prestabiliti, programmandosi delle pause e pianificando le attività da svolgere.
  2. Condividere gli orari lavorativi con i propri familiari e conviventi per non essere distratti e interrotti.
  3. Mantenere degli orari regolari per mangiare e soprattutto non consumare i pasti davanti al computer.
  4. Ricordarsi di bere: acqua, centrifugati e tisane purché il corpo sia sempre ben idratato.
  5. Non accendere il pc, rispondere a mail e messaggi durante la cena o la sera mentre si guarda un film.
  6. Fare delle pause durante la giornata, non per bere il caffè o fumare la sigaretta, ma per alzarsi dalla sedia, sgranchirsi le gambe e magari fare brevi attività rilassanti come dare da bere ai fiori o uscire sul terrazzo per respirare un po' di aria.
  7. Svolgere regolare attività fisica, indispensabile per mantenersi in buona salute.
  8. Mantenere un contatto con i colleghi e salutarsi a fine giornata lavorativa così che tutti si scolleghino e non ci contattino oltre l'orario previsto.
  9. Imparare ad ascoltare il proprio corpo e le proprie sensazioni perché è meglio prenderesi una pausa in più e disconnettersi ogni tanto ma riprendere con piena forza mentale rispetto a restare connessi fino all'esaurimento.
  10. Avere uno spazio adeguato dove lavorare in casa con una scrivania, una sedia ergonomica, la luce giusta e l'adeguata aerazione.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  coronavirus  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami