Home » Società » Personaggi Famosi » Vasco Rossi

Vasco Rossi

Il 7 Febbraio il grande rocker compie gli anni, poco prima dell’inizio del suo nuovo "Europe Indoor Tour 2010".

Vasco Rossi

VascoAuguri Vasco! Il rocker italiano che divide il podio di questo genere di musica con Ligabue, altro suo conterraneo, compie 58 anni. Nato a Zocca, in provincia di Modena, nel 1952. Ebbene sì, per molti può essere un padre, per qualcuno quasi quasi anche nonno, per altri fratello maggiore o quasi coetaneo. Perché con la sua musica è arrivato a coprire più di una generazione, facendo forse da collante tra padri e figli. Personaggio controverso che nel corso degli anni è caduto e si è rialzato.
Come detto da un giornalista, è partito con Siamo solo noi per poi maturare e arrivare a Siamo soli. Un’evoluzione di pensiero e di consapevolezza, che a volte può sembrare tristezza o una resa al mondo, ma che invece ha sempre una speranza, il non lasciarsi andare mai “…e scoprire che domani sarà sempre meglio”.

Vasco Rossi Bollicine albumCresciuto nella realtà dell’Emilia Romagna, transitato anche dal fenomeno del Sessantotto durante la sua adolescenza, inizia come deejay, ma spinto dagli amici (citiamo Curreri, che sarà leader degli Stadio) incide finalmente il suo primo disco nel 1977. E' il 45 giri di Jenny è pazza e Silvia e l’anno successivo l’album …Ma cosa vuoi che sia una canzone…, che non riesce però ad uscire dai confini emiliani come vendite. Va un po’ meglio con Non siamo mica gli americani che contiene uno dei suoi più grandi successi, cantato a ogni suo concerto: Alba chiara, canzone molto dolce e romantica dedicata ad una donna.
E’ poi la volta di Colpa d’Alfredo che con i suoi discorsi seri fu censurata dalle radio, non riuscendo quindi ad emergere. Ma è con quello che è stato l’inno di quelli contro, di questa generazione di sconvolti senza più santi né eroi, è con Siamo solo noi, che arriva il grande successo. Nel segno di un periodo che andava a delinearsi come eccessivo, si susseguono Vado al massimo e nell’83 esce Bollicine, che con Vita spericolata rappresenta tutta la rabbia e la confusione che la sua generazione sta attraversando.
Iniziano i suoi due anni critici, dove droga e carcere segnano il suo percorso. Dopo il carcere le cose cambiano. Cosa succede in città è la sua rinascita e C’è chi dice no è il suo nuovo modo di protestare contro un sistema di cui però si ritrova a fare parte.
Live VascoNel 1989 con Liberi liberi continua il suo percorso interiore, con la consapevolezza del trascorrere del tempo e delle cose che cambiano, e l’anno successivo inizia il tempo degli stadi: da lì ogni concerto è un bagno di folla e gli stadi fanno fatica a contenere tutti i fans del Blasco, che dichiarerà di essere quasi sorpreso di quanta gente lo ami.
Dopo i live viene pubblicato Gli spari sopra nel 1993 e nel 1996 Nessun pericolo…per te; tra un disco e l’altro ci sono tournée in tutta Italia e apparizioni a numerosi eventi come l'Heineken Jammin' Festival a Imola del ‘98, che raduna per la serata principale 150.000 persone, un record. In questi anni Vasco perde un paio di amici, Maurizio Lolli, morto di cancro nel 1996 cui ha dedicato Gli angeli, e Massimo Riva nel 1999, suo chitarrista storico, morto di overdose, che saluta ad ogni suo concerto dedicandogli Canzone, in cui si parla di rimpianto (“…è stato splendido”).
Nel 2001 arriva Stupido Hotel, nel 2004 Buoni o cattivi e nel 2008 Il mondo che vorrei.

Sicuramente Vasco continua a interrogarsi sulla vita, sulla morte, sui valori di ogni uomo, sul mondo che lo circonda, dandone una sua interpretazione nelle sue canzoni. Ognuno ne ha una nella testa che riporta a galla una situazione, un momento più o meno importante della propria vita, un'emozione vissuta.
Gli anni passano ma Vasco resta. Buon compleanno ancora, te lo meriti!

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI
<ARTICOLO PRECEDENTE Skeleton di Alessandra Mallarino
ARTICOLO SUCCESSIVO> San Valentino da single di Bianca Fracas - PsicoSessuologa

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da aral
     

    secondo me è un buon articolo dedicato al grande vasco
    "dio creo l'alba e vasco la rese chiara"!

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami