Home » Società » Personaggi Famosi » Guido Bissattini, da promoter a fotografo

Guido Bissattini, da promoter a fotografo

La vita a volte riserva proprio delle belle sorprese, come è accaduto ad un uomo che da promoter è diventato il fotografo più bravo del mondo.

Guido Bissattini, da promoter a fotografo

Prima una vita lavorativa dedicata alla finanza, poi il passaggio nella natura selvaggia a scattare foto splendide e spettacolari, immerso in paesaggi mozzafiato, a provare emozioni che sicuramente in un ufficio è davvero improbabile vivere sulla pelle. Era l’anno 2.000, ai tempi lui aveva appena compiuto 40 anni, quando ha deciso lasciarsi alle spalle un lavoro da promoter e iniziare una nuova vita, acquistare rullini e macchine fotografiche e tutto ciò che di serio serve ad un fotografo per dare una svolta alla propria vita, costruendo un futuro che è sì di lavoro, ma è come se ogni giorno fosse vacanza.

Guido BissattiniQuesta è in breve la storia di Guido Bissattini, le cui origini sono lacustri, nasce infatti sul Lago Maggiore, ma vive in Piemonte vicino a Torino, a Pecetto, splendida cornice collinare che fa della prima Capitale d’Italia una stupenda città da scoprire, anche con la macchia fotografica.
Guido come promoter riusciva ad avere uno stipendio molto buono, ma ciò che gli mancavano erano le emozioni, ed ecco allora che riemerge un sogno, un desiderio, quello di un ragazzo che molti anni prima amava scattare foto, così un giorno quel cassetto dei sogni viene riaperto e trasformato volutamente e concretamente in realtà.
Si tratta di una scelta sicuramente non semplice, poiché oggi sappiamo bene con i tempi che corrono quanto sia importante un’entrata economica fissa, stabile e soprattutto buona. Però le passioni, si sa, spesso prendono il sopravvento e sono più forti di qualsiasi altra cosa.
Guido negli anni ’70 fa il fotografo sportivo e segue squadre di calcio come Toro e Juventus, ma vuole di più, inizia così la collaborazione con il mensile Fotografare, prima ottiene il tesserino da pubblicista e a seguire diventa un fotografo professionista. Nel tempo diventa famoso e ottiene il titolo di Campione Italiano, grazie ad una foto spettacolare di cicogne e anatre nel mentre di una tormenta di neve poco distante da Racconigi: senza saperlo che con quella foto così vicino a casa, avrebbe ottenuto così tanto! Forse ha ragione Coelho quando dice che “quando si cerca un tesoro questo è più vicino di quello che si possa immaginare”.
Bissattini prosegue nella sa carriera, ottenendo il primo posto nel campionato mondiale a squadre, garaggiando con una foto di un combattimento tra un avvoltoio e un uccello segretario.
Il fotografo di Pecetto oggi organizza interessanti corsi insieme a Canon, viaggi per apprendere e mettere in pratica tutte le tecniche migliori per diventare grandi fotografi, i trucchi del mestiere. Per chi fosse interessato ecco il sito dal quale avere tutte le informazioni: www.bissa.it.

Guido Bissattini

Da questa storia è bello imparare quanto sia possibile e perseguibile assecondare i propri desideri e i propri sogni e che la volontà, unita alle indubbie capacità, possono trasformare radicalmente la vita di una persona, arrichendola di nuove emozioni, intense come i colori di un tramonto e cariche di energia come i colori di un’alba.
Come dico spesso ai miei figli “volere è potere” e credo che questo detto sia un motto da seguire ogni volta che qualcosa o qualcuno ci sta a cuore.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami