Home » Società » Mondo » Gli influencer? “Pubblicitari” sempre sotto i riflettori

Gli influencer? “Pubblicitari” sempre sotto i riflettori

Chiara Ferragni è stata una delle prime a lanciare questo tipo di attività riscuotendo successo e denaro. Ma oltre a lei nel mondo digitale ci sono milioni di influencer più o meno famosi. Ma chi sono davvero queste persone?

Gli influencer? “Pubblicitari” sempre sotto i riflettori

Negli ultimi anni si sente sempre più parlare di influencer, ovvero di quegli individui che cercano di influenzare le scelte d'acquisto (ma anche politiche o decisionali) di altre persone tramite immagini pubblicate sui social. Un tempo le aziende facevano pubblicità di qualunque tipo per incuriosire la clientela e vendere i prodotti.
Oggi, accanto ai classici spot, il mercato, si avvale soprattutto di individui che attraverso i loro post sui social riescono a condizionare le scelte rispetto a determinate aree di interesse.
In tanti si improvvisano influencer pensando di raggiungere il successo di Chiara Ferragni (10 milioni di fatturato annuo e 11 milioni di follower) e credendo che sia sufficiente taggarsi nel modo giusto sui social principali per essere scelti come testimonial.
Ma in verità dietro c'è un duro lavoro che spesso richiede tempo e pazienza con il rischio di annullarsi e di non vivere più una vita reale.


Ph. Instagram @chiaraferragni

Come diventare influencer

Per cercare di trasformare un passatempo in vero e proprio lavoro pubblicando stories e immagini su instagram o facebook è necessario conoscere le dinamiche del web e capire cosa fa tendenza.
Influenzare gli acquisti, che si tratti di cibo, abbigliamento, gioielli, viaggi, si può imparare anche tramite dei corsi. I requisiti iniziali sono la capacità di fare belle foto, avere stile e gusto e differenziarsi dagli altri. Poi il resto si apprende con lezioni specifiche che propongono lezioni di fotografia, marketing e management dove si alterna la teoria alla pratica.

Se si vuole provare a diventare influencer è necessario concentrarsi su uno specifico tema, possibilmente che si differenzi da ciò che è già in rete e specializzarsi, cercando di essere spontanei.
Le persone che riescono a “sfondare” solitamente sono costanti, pubblicano almeno un post al giorno, usano la geolocalizzazione, gli hashtag giusti e lavorano molto sul racconto che accompagna lo scatto, ovvero la didascalia, lo storytelling.
Piano piano è necessario costruirsi una rete, essere seguiti da almeno qualche migliaio di follower e suscitare reazioni, commenti e “like”.


Pro e contro
Una cosa che l'influencer deve capire è se fare di questa attività un solo passatempo retribuito o un vero e proprio lavoro. Nel primo caso si dedicano alcune ore settimanali, non si vive con l'ansia di dover trovare per forza l'immagine giusta in ogni momento della giornata e se si è fortunati si viene catalogati come “micro-influencer” retribuiti per lo più con prodotti.

Se, invece, si vuole tentare la via dell'attività e farne una fonte di guadagno non bisogna lasciare nulla al caso. Solitamente viene premiato chi ha molta costanza oltre alla bravura, ma i contro sono parecchi perché si rischia di non avere più una vita vera.
Ogni momento della propria giornata viene trasformato in un set alla ricerca del momento giusto, dell'idea perfetta, della luce favorevole.
E poi bisogna essere sempre curati, perfettamente pettinati, truccati e in forma perché nel web la cattiveria è sempre dietro l'angolo.

Non dimenticate che molti influencer ad un certo punto hanno mollato per il troppo stress causato da uno sdoppiamento di vita, perché quella su instagram non sempre è vera!

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami