Home » Società » Mondo » Detti popolari e meteo

Detti popolari e meteo

Quanto ci sarà di vero nei proverbi sul meteo? Proviamo a vedere in sieme i più conosciuti.

Detti popolari e meteo

Quante volte si sentono dire, soprattutto dagli anziani e magari in dialetto, frasi e proverbi collegati con il tempo meteorologico e si sta con il naso all’insù aspettando che tali “predetti” eventi meteo in qualche modo vadano a verificarsi.
A volte questi detti o proverbi sembrano realmente funzionare, anche meglio delle previsioni meteorologiche studiate dagli esperti, è proprio per questo forse che, al di là della loro veneranda età, la tradizione continua e non smettono mai di stupirci e farci anche un po' sorridere.

Vediamo insieme i più belli, stupefacenti e pittoreschi.

Cominciamo dal primo mese dell’anno con “I giorni della merla sono i più freddi dell’anno”: questo detto forse è possibile dire che non è sempre così, infatti se ciò poteva valere un tempo, oggi come oggi con gli sbalzi di temperature attuali e con gli inverni sempre più rigidi, i giorni che vanno dal 29 al 31 gennaio non è detto che siano sempre i più freddi dell’anno.
Il 17 gennaio è poi Sant’Antonio, e in questo caso si usa dire “Sant’Antonio, bastonate di freddo del demonio” riferendosi al giorno più freddo in assoluto, in teoria ancora più freddo dei precedenti. Qui, al di là del proverbio, è facile intuire che è il periodo in generale con le temperature più basse, anche se poi magari si avvertono il 15 o il 18 gennaio.
Sempre rimanendo in inverno, il proverbio dice “Cielo stellato, mattina gelata”, in effetti in questa stagione la sera il cielo è spesso terso, cioè senza nubi, e alla mattina a causa della bassa temperatura la gelata non si fa certo aspettare, dunque è un proverbio vero.
Vi è poi la famosa estate di San Martino (11 novembre), in cui le credenze popolari attribuiscono al giorno dedicato a questo famoso santo, temperature miti e clima gradevole.

Sul sole esiste ad esempio il detto “Se il sole va giù nebbioso, il successivo dì non sarà piovoso”, ed è verissimo, poiché scientificamente il fenomeno della nebbia si verifica quando c’è alta pressione, in questo modo si ha uno schiacciamento verso il basso dell’atmosfera, l’umidità si trasforma in nebbia e la pioggia è davvero difficile che si possa creare, mentre invece si forma con più probabilità con la bassa pressione.

Sul mare c’è “Se le nuvole vanno alla montagna, prendi gli arnesi e va’ a casa”, significa che se le nuvole arrivano dal mare, è molto probabile che inizierà a piovere, ciò è in realtà valevole anche in pianura, dove il vento se inizia a soffiare verso l’entroterra significa che inizierà di lì a poco a piovere.

E del famoso detto “Rosso di sera bel tempo si spera”, cosa possiamo dire? Che è vero, poiché nella nostra nazione la maggior parte delle perturbazioni arriva dall’Atlantico, cioè da ovest, se quindi il cielo è rosso al tramonto a occidente, vuol dire che sarà bel tempo.
Anche gli uccelli e i loro spostamenti in volo ci indicano qualcosa. Si dice “Se gli uccelli volano basso, allunga il passo”, i volatili infatti, come ad esempio le rondini, sono alla ricerca di piccoli insettini come moscerini e simili, i quali quando sale in alto l’umidità, da cui nasce poi la pioggia, vengono sollevati da questo flusso e diventano cibo per le rondini! Ma i moscerini in realtà si fermano in basso, ecco allora il motivo per cui le rondini volano basse e dopo poco arriva la pioggia.
Tra quelli più conosciuti ma in realtà spesso non sempre veri possiamo citare il noto “Cielo a pecorelle, pioggia a catinelle”, ciò non sempre accade poiché le formazioni di nuvole, dette scientificamente cirrocumuli o altocumuli, spesso possono portare pioggia, ma molto dipende dalle condizioni generali e dalla velocità dei venti che le accompagnano.
Mentre invece sembra più vero il detto “Pioggie d’estate di corte durate”, perché nella stagione estiva le piogge sono solitamente acquazzoni veloci, che vanno poi a durare più giorni e portano verso l’abbassamento delle temperature solo da settembre in poi. Ad avvalorare questa tesi c’è anche l’altro proverbio “D’estate canta il cucco, la sera piove e la mattina è già asciutto”.
Occhio ad attrezzarvi però perché “Se non rischiara a mezzodì, piove tutto il dì”.

State tutti  guardando il cielo? Da voi che tempo fa?

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami