Home » Società » Mondo » Curiose tradizioni cinesi

Curiose tradizioni cinesi

Dai crisantemi regalati alle spose, ai biglietti da visita, alla meditazione taoista: come l’Oriente attrae noi occidentali.

Curiose tradizioni cinesi

Dalla Cina si possono imparare davvero tante cose, modi di fare e di pensare che per gli occidentali possono apparire molto diversi e spesso anche difficili da comprendere, perché lontani non solo chilometricamente parlando, ma anche come culture agli antipodi del mondo.

Vediamo allora insieme quali sono i principali simboli e usanze più diversi e più affascinanti che noi occidentali non siamo soliti usare, ma che ci incuriosiscono molto.

Curiosità orientali
Il drago
Il drago è simbolo di felicità, infatti i draghi nella stupenda Cina si trovano dappertutto. Si trovano sulle porte delle abitazioni, per proteggerle e augurare la felicità a chi vi abita, sono soprammobili nell'arredamento interno, oppure appesi o dipinti sulle pareti di locali o ristoranti, nei teatri o presso altri luoghi pubblici.
Il drago è forte, potente simbolo di altrettanta forza, prosperità e anche ricchezza. Ciò si ritrova persino nei nomi di persona: infatti Long tra i nomi più comuni significa proprio “drago”, e questo è anche un titolo che si dà a chi supera un esame difficile o al termine di un percorso scolastico impegnativo.

Il Mahjong
Si tratta di un gioco con regole a dir poco millenarie, è per un massimo di 4 giocatori i quali si sfidano per costruire una muraglia con 144 tessere, attraverso coppie (tai) e tris (pung) con tessere uguali.

Il ciclo della luna
Secondo la medicina cinese la donna ha una vita fertile regolata dal numero 7, infatti se ci si sofferma dal menarca fino alla menopausa, il 7 si ripete all’infinito. Le mestruazioni sono chiamate “acque lunari”, poiché collegate al ciclo della luna che è a sua volta strettamente legato ai cicli fertili della donna.

Curiosità orientali

Il balsamo di tigre
Chi di voi non ne ha mai sentito parlare? Si tratta infatti di un balsamo conosciutissimo e dall’inconfondibile odore di mentolo misto a canfora, con chiodi di garofano, olio di cannella e di cajeput.
Quello originale è bianco, molto forte, perfetto contro la cefalea o i sintomi del raffreddamento. Ne esiste anche una variante più leggera, di colore rosso, usata per i dolori più lievi di tipo reumatico e articolare. E' possibile acquistare entrambi nei negozi specializzati, oppure in alcune erboristerie.

Il crisantemo e la morte
Se da noi in occidente, specie in Italia, provate ad arrivare con un mazzo di crisantemi a cena di un’amica questa vi guarderà incredula e storcerà sicuramente il naso in un falso ma evidente obbligatorio ringraziamento. Questo perché da noi il crisantemo è associato ai giorni più tristi, in cui si festeggiano i defunti.
In Cina però non vale la stessa regola culturale, infatti là non è un fiore da lutto, bensì il suo significato, così come in Giappone, è di gioia e vitalità, l’opposto insomma rispetto a noi.
Inoltre il colore del lutto è il bianco, mentre da noi il nero, e dopo una sepoltura al posto dei fiori loro usano mettere tante candele, a simboleggiare una sorta di luce che accompagna il defunto e non lo lascia solo nel buio.

Curiosità orientali
Biglietto da visita

In Cina il biglietto da visita va dato e ricevuto con molta attenzione. Va preso con due mani e mai solo con una, va tenuto all’angolo con indice e pollice insieme, poi, una volta preso, mai metterlo subito in tasca, ma tenerlo in mano e osservarlo in segno di attenzione e rispetto verso chi c’è l’ha offerto.

E' proprio vero il detto "paese che vai usanza che trovi"! Meglio sapere queste cose per comportarsi in modo rispettoso ed adeguato.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami