Home » Società » Gossip » Lady Diana, la prima “influencer”

Lady Diana, la prima “influencer”

Unica nel suo genere, Diana Spencer è stata la prima vera influencer. E, a venti anni dalla sua morte, si conferma un’icona di stile difficile da emulare
Lady Diana, la prima “influencer”

La memoria di Diana Spencer è ancor oggi - a 20 anni esatti dalla sua morte avvenuta il 31 agosto 1997 quando la 36enne principessa perse la vita in un incidente automobilistico nel tunnel parigino dell'Alma - nitida e vivace, non solo tra il popolo britannico ma all around the world. Il suo stile, sempre al passo con i tempi ma con uno sguardo al nuovo e non detto, è rimasto tra i più imitati e copiati al mondo, tanto da poterla definire una vera “influencer” dei giorni nostri. Già, proprio perché come una vera influencer che si rispetti Lady D sfoggiava outfit classici o glamour con irresistibile naturalezza e innata eleganza, per questo dettando stile anche senza volerlo.

 

Sempre a favore di flash

Ogni occasione, ogni evento privato o pubblico che fosse, Diana doveva essere immortalata dai flash. E non solo a favore della stampa rosa. La moglie di Carlo (poi compagna di Dodi Al-Fayed) nonostante le nobili origini – quella degli Spencer è una delle più antiche ed importanti famiglie britanniche, strettamente connessa con i Windsor – aveva creato tra lei e il popolo un feeling particolare fin da subito anche per il suo anticonformismo. Feeling che è vivo ancora oggi e acceso anche da episodi come il tabloidgate.

 

I suoi abiti in mostra

Lo scorso febbraio Kensington Palace ha inaugurato una retrospettiva in onore di Diana: “Diana - Her Fashion History” (che è possibile visitare per tutto il 2017). Voluta fortemente dai figli William e Harry, si tratta dell’esposizione di 26 tra abiti e bozzetti di abiti indossati dalla Principessa di Galles dal suo debutto in società fino agli ultimi mesi della sua vita. Vestiti ampi dalle maniche a sbuffo degli Anni ‘80, monospalla, longdress da grande soirée, bustier con le spalle nude, e capi delle griffe che hanno accompagnato le scelte più formali come Catherine Walker, Christian Dior, Victor Eldestein, Versace, Emanuel e Giorgio Armani. «Aveva una gran fiducia in se stessa, e lo comunicava in maniera intelligente attraverso i suoi abiti», ha dichiarato il direttore dell’esposizione, Eleri Lynn.

 

Un mood evergreen

Lo stile Lady D è in totale ritorno tra giacche Barbour, impermeabili militari, tweed e lane tartan nei colori della terra, e i maglioni in raglan. Ma anche anche pois, pizzi, fantasia vichy, jeans e camicia bianca. E, ancora, maxi bag e décolleté con allacciatura incrociata, blazer oversize + mom jeans o ciclisti e maxifelpa. Insomma Diana Spencer ha dato una rinfrescata ai guardaroba reali e se, oggi, Kate Middleton può sfoggiare con disinvoltura pantaloni skinny e Superga bianche o abitini criticati dall’alto in quanto “troppo corti” è anche merito della suocera. Stesso dicasi per la promessa sposa di Harry, Meghan Markle.

 

Per ripassare il look della “Principessa triste” basta dare un’occhiata sul web e cercarla a cavallo con Queen Elizabeth, in luna di miele in Scozia, a caccia con Carlo, in tailleur pastello, in versione sporty tra le vie di Londra o in cappotto rosso scarlatto. Il tutto senza ovviamente tralasciare hairstyle, scelta di accessori (quindi, borse e gioielli) e combinazioni di colori e fantasie. Ecco la nostra gallery.


  • Lady Diana, la prima “influencer”
  • In jeans e camicia
  • Con Dodi in beachwear
  • Mom jeans e blazer oversize
  • Stile sporty
  • A righe
  • Tubino rosso
  • Pois Anni '80
  • Stile formale
PAGINA 1 DI 9
PLAY
CONDIVIDI
Di , © Riproduzione Riservata

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami