Home » Società » Attualità » Vaccino anticocaina

Vaccino anticocaina

Per chi vorrà uscire dal tunnel della cocaina, finalmente c’è una valida speranza, perché si sta sperimentando un vaccino che verrà distribuito solo nei centri che aiutano a disintossicarsi. Ovviamente il vaccino non sarà un rimedio alla dipendenza, ma una risorsa da testare, che si affiancherà al supporto psicologico, ad oggi l’unico in grado di contrastare l’attrazione verso la polvere bianca.

Cocaina

Effetti della sostanza

L’effetto della cocaina si svolge a livello delle più profonde aree cerebrali che, quando vengono stimolate, regalano un'effimera sensazione di piacere. La sostanza fa sentire energici ed euforici e molto attivi; diminuiscono gli stimoli della fame e del sonno e si ha l’impressione di poter controllare ogni cosa. Tuttavia quando l’effetto svanisce rimane un senso di depressione e abbattimento che porta a cercare altra droga.

Cervello drogato

Il vaccino

Si tratta di una formulazione somministrata per iniezione, in grado di far produrre all’organismo della persona degli anticorpi diretti contro la cocaina. Gli anticorpi agiscono sul sistema nervoso e bloccano gli effetti euforici della cocaina. In questo modo le persone, finché il vaccino è attivo, non sentiranno la necessità di andare alla ricerca della droga. Tuttavia non si è immuni per sempre, ma la sua durata va dai sei ai nove mesi circa. Quando l’effetto svanisce si torna ad essere sensibili all’azione della cocaina e a questo punto il rischio ricadute è molto alto. Per questo motivo il vaccino, da solo, non può guarire dalla dipendenza, ma serve sempre un buon sostegno psicologico che agisca sulle motivazioni profonde che portano una persona a cercare questa sostanza.


Quando sarà disponibile?

Per ora il vaccino è ancora in fase sperimentale, e occorreranno circa tre anni prima che diventi disponibile. Comunque, quando sarà pronto, verrà proposto alle persone con dipendenza dalla cocaina all’interno di un percorso di cura a 360° e sarà disponibile solo in centri specializzati, che si occupano della cura e del recupero delle dipendenze.


Le cure oggi possibili

Dare una manoAttualmente chi vuole uscire dal tunnel della cocaina, può usare dei farmaci o il sostegno psicologico. Ovviamente per prima cosa le persone devono essere motivate e la disintossicazione andrebbe effettuata in centri specialistici, dove si è sottoposti a viste e controlli da parte di medici ed esperti. Uscirne da soli può essere molto difficile, perché le tentazioni sono maggiori. I farmaci usati sono antidepressivi e stabilizzatori del tono dell’umore, e la cura può durare anche tre mesi. Nel frattempo è fondamentale la psicoterapia per individuare le cause che hanno portato a diventare dipendenti e può dare una motivazione a smettere. Anche i gruppi di auto mutuo aiuto sono un valido strumento di confronto e dialogo con chi ha vissuto esperienze simili.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI
<ARTICOLO PRECEDENTE Lavoro precario di Bianca Fracas - PsicoSessuologa

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami