Home » Società » Attualità » Rivolte in Pakistan per l'attentato alle due chiese cristiane - Parte 1 di 2

Rivolte in Pakistan per l'attentato alle due chiese cristiane

Ancora violenze contro la minoranza religiosa da parte dei talebani. Due kamikaze si sono fatti esplodere all'ingresso di due luoghi di culto di Lahore, uccidendo almeno 14 persone e ferendone 78. Nel paese esplode il malcontento

Rivolte in Pakistan per l'attentato alle due chiese cristiane

Due kamikaze si sono fatti esplodere all'ingresso di due chiese cristiane a Lahore, in Pakistan, uccidendo almeno 14 fedeli e ferendone altri 78. Gli attentati sono stati rivendicati dal gruppo TTP (Tehrek-e-Taliban Pakistan), organizzazione che mira all'introduzione della legge islamica, la Sharia, nel paese. Le intimidazioni alla minoranza cristiana sono molto comuni, ma era dal 2013 che non si assisteva a una violenza di tale entità. Due anni fa, una duplice esplosione in una chiesa di Peshawar causò la morte di 82 persone.

I due attentatori, che hanno scelto come bersaglio due luoghi di culto nel quartiere di Youhanabad, la chiesa cattolica St John's Church e quella cristiana Christ Church, erano stati bloccati da due agenti all'ingresso, morti insieme ai kamikaze nell'esplosione.

Il panico e il linciaggio
Dopo l'esplosione, una folla di manifestanti ha occupato le strade della città, sottraendo alla polizia due uomini, fermati perché sospettati di essere complici dell'attentato. Questi sono stati torturati dalla folla e bruciati vivi. Il vandalismo è proseguito nella zona commerciale, dove sono state distrutte vetrine e stazioni del nuovo servizio urbano di metro-bus. In segno di solidarietà, centinaia di dimostranti hanno occupato le piazze delle principali città del Pakistan – Peshawar, Faridabad, Multan, Quetta. A Kerachi, a sud del paese, sono stati incendiati pneumatici per bloccare il traffico sulle strade.

Di Caterina Michelotti © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami