Home » Società » Attualità » Salone del mobile e Fuori Salone 2021

Salone del mobile e Fuori Salone 2021

A Milano la fiera dedicata al design e al comparto legato alla casa. Il Supersalone, come si chiama in questa edizione ha riservato tante cose interessanti

Salone del mobile e Fuori Salone 2021

Un'edizione anomala certamente quella del Salone del Mobile 2021, o meglio, il Supersalone come è stato chiamato. Un evento che ha voluto in qualche modo sostituire quello che abitualmente viene programmato in primavera. Soprattutto è stato un modo per ricreare un momento internazionale fieristico che ormai a Milano, e in Italia manca, da quasi due anni.
La voglia di ripartire dopo la pandemia di Covid-19 e per ritrovare una certa normalità ha creato un evento che forse non ha nulla da invidiare a quelli passati. E con il Salone si è anche creato il Fuorisalone, un insieme di installazioni, eventi e momenti di incontro sparsi per la città meneghina creati, non solo dai grandi marchi dell'arredo e del design, ma anche da chi ha voluto in ogni caso esserci. Marchi del food, gallerie d'arte, marchi internazionali della produzione industriale, aziende del delivery, ma anche la pubblica amministrazione e luoghi storici. Insomma, un po' di tutto.


Supersalone del Mobile
Dal 5 al 10 settembre, in 4 padiglioni della fiera a Rho, in esposizione ben 1.900 progetti con anche dei nuovi moduli espositivi, ovvero gli stand non sono più per una esposizione “a terra”, ma in verticale. Una soluzione per dare visibilità evitando però il sovraffollamento. Tutto questo con la supervisione di uno degli architetti milanesi di ultimo grido, l'archistar Stefano Boeri, creatore di edifici famosi a livello internazionale come Il bosco verticale. Produttori, buyer, ma anche università e chi si occupa di ricerca e sviluppo ha potuto confrontarsi e poter proporre le proprie soluzioni per materiali, innovazione, tipi di produzione con grande attenzione alla tutela dell'ambiente e all'impatto preferendo il recupero ed il riciclo di materiali.


Fuorisalone
Il Fuorisalone ha coinvolto tutta la città. Installazioni originali come un container con un letto in piazza Gae Aulenti, sculture distribuite in diversi luoghi cittadini, vetrine con esterni modificati da strutture temporanee, autoveicoli sospesi in alcune piazze.

Molti sono ormai gli spazi, spesso recuperati da edifici industriali che ospitano gallerie e laboratori che, sperimentando, creano arte nuova, diversa dalla classica figurativa e che durante questi eventi aprono le porte a chi vuole curiosare e scoprire un mondo artistico diverso dal solito.

Showroom dedicati all'arredo hanno ulteriormente abbellito e rivisitato l'esposizione, si possono visitare gallerie d'arte che hanno aperto i loro spazi.

Università e ospedali hanno lasciato che spazi comuni siano stati invasi da installazioni di vario tipo: sfere colorate, sculture dorate, coriandoli colorati sospesi, effetti luminosi e giochi di luce.

Murales giganti anche in luoghi insoliti come l'interno di una piscina, esposizioni nei teatri che normalmente accolgono spettacoli e tanto, tanto altro. L'arte è design e viceversa. Un modo diverso di vivere un momento di business che permette a tutti di apprezzare il bello.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami