Home » Società » Attualità » Costa Concordia tornata in posizione verticale

Costa Concordia tornata in posizione verticale

Il relitto della Costa Concordia è tornato in asse questa mattina dopo un giorno di intensi lavori. A dare l'annuncio è Franco Gabrielli, capo della Protezione Civile.

Costa Concordia tornata in posizione verticale

«L'operazione di parbuclingk della Concordia si è conclusa. Oggi abbiamo messo un punto decisivo per l'allontanamento della nave».
Sono le parole pronunciate questa mattina da Franco Gabrielli, capo della Protezione Civile, durante una conferenza stampa alla quale hanno presenziato giornalisti provenienti da tutto il mondo. C'è voluto un giorno di lavoro, tanta fatica e sudore, ma alla fine il progetto è stato portato a termine con successo, tra gli applausi degli abitanti dell'isola del Giglio e il fischio delle sirene del porto.

«Ho appena telefonato a Franco Gabrielli al Giglio. Gli ho detto che tutti coloro che stanno lavorando lì sono un grande orgoglio italiano»
, è il messaggio inviato su twitter dal premier Enrico Letta.

Rotazione Concordia

La procedura
Il relitto della Costa Concordia è tornato in posizione verticale, si è rialzato poco a poco dalla sua posizione grazie a 36 cavi di acciaio, a un progetto eccezionale e alla fatica e al cuore di molti uomini. 19 ore di lavori, cominciati ieri in tarda mattinata e conclusi questa mattina intorno alle ore 4:00 sotto gli occhi attenti e vigili di numerose persone giunte all'isola del Giglio da ogni parte del mondo. «Tutta la parte ingegneristica dell'operazione di recupero della Concordia – ha dichiarato Gabrielli - è orgogliosamente italiana. Siamo qui per sacramentare la conclusione di questa fase dell'operazione Concordia, siamo molto soddisfatti perché le sfide si sono realizzate con precisione e correttezza».
La fiancata del lato dritto della nave è danneggiata e saranno quindi necessari dei lavori di ristrutturazione. Ma ciò che interessa di più ora i membri della Protezione Civile è controllare che nessun danno sia stato apportato all'ambiente. Fino ad ora, hanno dichiarato i tecnici, il territorio è salvo.

Rotazione Concordia

La ricerca dei dispersi
C'è una nuova priorità ora, dopo che la Costa Concordia è tornata in posizione: recuperare i cadaveri delle due vittime non ancora ritrovate. «È stato già ricostituito il gruppo. Partiremo a breve con le immersioni per la ricerca dei corpi dei dispersi. Al momento i corpi non sono stati ancora ritrovati. Quindi l’ipotesi che fossero tra lo scafo e il fondale appare per ora senza riscontro». Sono queste le parole di Franco Gabrielli, che ha poi reso noto che «la ricerca dei cadaveri delle due vittime non ancora recuperate della Costa Concordia non inizierà prima di qualche giorno. Stiamo già studiando come intervenire - ha detto - ma la fase operativa ci sarà solo nel momento in cui verrà garantita la sicurezza dei soccorritori».

Di Francesca Ferrandi © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami