Home » Società » Attualità » Ragazze e cocaina

Ragazze e cocaina

L'uso di cocaina è alle stelle ed è destinato a crescere sempre più. Nel 2010 il numero dei consumatori potrebbe aumentare del 40% rispetto al 2007, passando da 800mila a un milione e 100mila, circa il 3% della popolazione italiana tra i 15 e i 54 anni, complice il fatto che la coca non è percepita come una droga e quindi un pericolo, lontana dall'immagine del tossico eroinomane.

Ragazze e cocaina

Il costo della polvere bianca si abbassato, è ormai alla portata di tutti. Quindi non solo modelle, attori o top manager, ma giovanissimi e adulti, studenti e lavoratori, uomini e donne.
Cocaina
Non ci sono numeri precisi ma tra chi sniffa sono sempre più numerose le consumatrici: si passa dalle studentesse alle donne manager. Lo fanno per reggere il ritmo, sentirsi all’altezza, placare l’ansia.
Il consumo femminile di droghe è aumentato e c’è chi sniffa già a 13 anni. A differenza dei maschi è più facile cadere nel degrado, e più complicato tornare indietro.

Dall’osservatorio europeo di Lisbona lanciano allarmi già da anni, da quando è evidente che le ragazzine ormai consumano sostanze psicotrope, legali e illegali, tanto quanto i coetanei maschi.
I dati sull’uso di droga tra gli studenti di 15/16 anni, rivelano tendenze preoccupanti: c’è la tendenza comune di assumere contemporaneamente cocaina, alcol e psicofarmaci.


L'identikit
Buona parte dell’alcolismo femminile, deriva da una sorta di automedicazione degli stati d’ansia, stress, depressione. Con la cocaina accade lo stesso. Le donne consumatrici di sostanze illegali usano psicofarmaci dieci volte di più delle non consumatrici.
Tra chi usa cocaina, il 12% delle donne usa anche quel tipo di farmaci, mentre nei maschi la percentuale scende.
I motivi che spingono il gentil sesso ad usare stupefacenti ha a che vedere con il “supporto sociale” e con gli specifici effetti fisici quali perdere peso, fare sesso e restare svegli.
In più le donne, abituate storicamente a gestirsi le sofferenze da sole, in casa, oggi escono, per lavoro e svago, in una società competitiva, che le vuole sempre all’altezza delle situazioni.

Il ricatto sessuale
Nell’uso di sostanze, le donne hanno una debolezza in più: il ricatto sessuale. Ci sono numerosi casi documentati di abuso tra ragazzine di 12/13 anni; adolescenti che scambiano sesso per avere in cambio sostanze e soldi. Ci sono anche ragazzine minorenni, di buona famiglia che entrano in contatto con spacciatori per sentirsi le “donne del capo”, o sapendo che poi la cocaina per loro è gratis. Dall’altra parte però c’è un pusher, che ne approfitta per farsi un piccolo harem.
Il problema è che quando queste giovani ragazze non avvertono alcun problema etico in tutti questi comportamenti, non hanno più alcun controllo.
Aumento minorenni cocainomani
Si fanno del male
Le donne più degli uomini si fanno del male abusando di droga, non solo fisicamente ma anche psicologicamente. Hanno più incidenti stradali, risse e tentativi di suicidio dopo aver fatto uso di cocaina, e sono molte quelle che poi soffrono di disturbi psichiatrici. Per di più diventano molto aggressive, dato confermato anche dai gestori di discoteche, che sottolineano come negli ultimi tempi ad alzare la voce e le mani, siano spesso le donne.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI
<ARTICOLO PRECEDENTE Legame tra feto e mamma di Bianca Fracas - PsicoSessuologa
ARTICOLO SUCCESSIVO> Betulla di Alessandra Mallarino

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami