Home » Società » Attualità » La quotidianità ai tempi del coronavirus: come riorganizzarsi le giornate

La quotidianità ai tempi del coronavirus: come riorganizzarsi le giornate

Scuole, teatri e cinema chiusi: queste sono alcune restrizioni imposte per cercare di arginare l'emergenza del coronavirus. Ma come ci si possono organizzare le giornate ed il tempo a disposizione?

La quotidianità ai tempi del coronavirus: come riorganizzarsi le giornate

Da qualche settimana anche in Italia siamo stati colpiti dal Covid 19, il virus che inizialmente riguardava solo la Cina.
Dopo l'ampia diffusione, soprattutto in alcune aree del Nostro Paese, il Governo ha preso delle misure precauzionali, mettendo in quarantena alcune zone e limitando ovunque le possibilità di contagio.
Così è stato deciso di chiudere scuole ed atenei, di sospendere manifestazioni sportive, attività ludiche (cinema, teatri, etc) fino a data da definirsi e, laddove possibile, di praticare lo smart-working.
Oltre alla paura e alle preoccupazioni in termini economici, molte persone sono state però prese dallo sconforto perché oggi più che mai devono riorganizzarsi la vita.
In tanti si chiedono come sopravvivere ai tempi del coronavirus, come riempirsi e organizzarsi le giornate dal momento che i bambini sono a casa ed è necessario limitare i contatti sociali in spazi chiusi.


Credits: Foto di @free-photos | Pixabay
L'importanza di tutelare tutti
Chi non ha sintomi (febbre, tosse secca, difficoltà respiratorie) e soprattutto non è portatore sano di covid19 (in questi casi i consigli sono altri) deve comunque limitare la vita sociale.
È possibile contonuare a fare le cose di tutti i giorni come fare la spesa, andare a lavoro (per chi non può svolgerlo da casa) ma sempre facendo attenzione a mantenere la distanza di sicurezza di 1 metro dagli altri, evitare contatti (dare la mano, abbracciarsi, dare baci) e ricordarsi di lavare spesso le mani o usare gel disinfettanti quando si è fuori casa. È fondamentale poi stranutire o tossire usando fazzoletti di carta usa getta che vanno buttati subito, oppure se non si hanno i fazzoletti con sé, di farlo all'interno del proprio gomito sempre nel rispetto degli altri.


Credits: Foto di @ponce_photography | Pixabay
Come gestire i bambini a casa da scuola?
Sicuramente uno dei problemi maggiori in queste settimane è la gestione dei figli, soprattutto piccoli, che stanno a casa da scuola e magari hanno genitori che devono continuare a lavorare (in modalità smart-working o fuori casa).
Non tutti ovviamente hanno i soldi per pagare una baby sitter, e non sempre i nonni sono disponibili.
Dopo averli resi partecipi di quanto sta accadendo, nel modo più semplice e adatto, il suggerimento è di cercare di organizzarsi senza però ricreare ambienti con all'interno bambini tutti insieme altrimenti la chiusura di scuole ed asili non avrebbe avuto alcun senso.


Credits: Foto di @pexels | Pixabay
Idee e suggerimenti
Chi pensa che sopravvivere alla noia ai tempi del coronavirus sia impossibile, si sbaglia! Ovviamente l'economia purtroppo ne risente parecchio, ma in attesa di sviluppi e di un miglioramento ecco come agire e riorganizzarsi le giornate.

  • La palestra e la piscina sono chiuse? Non bisogna comunque fermarsi, esistono parchi e luoghi all'aperto da raggiungere a piedi o in auto (evitiamo i bus) dove è possibile fare sport senza il rischio di contagio, sempre rispettando la distanza di 1 metro gli uni dagli altri. Anche i numerosi canali web per esercizi sportivi da fare a casa possono essere utili.
  • Non si possono frequentare teatri, musei e cinema? In questo caso perché non sfruttare il web e dedicarsi ai viaggi virtuali che consentono di poter vedere mostre, spettacoli e documentari? Non è la stessa cosa che poterlo fare dal vivo, ma sempre meglio che mettersi davanti a programmi trash della tv.
  • Si ha più tempo libero? Va utilizzato per leggere quei libri che sono sul comodino da tempo, e invogliare i propri figli a fare lo stesso; sistemare casa e approfittarne per fare un po' di decluttering. Sperimentare in cucina nuovi piatti con prodotti sani, imparare a lavorare a maglia, a cucire, a dipingere ( sono tutte attività perfette sia per chi è solo che per chi ha una famiglia).


Insomma la cosa fondamentale è non farsi prendere dallo sconforto e seguendo le norme base diffuse anche dall'organizzazione mondiale della Sanità, cercare di trarre il meglio da questa situazione.

© Riproduzione Riservata
TAG  coronavirus  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami