Home » Società » Attualità » Inghilterra: sì alle nozze gay

Inghilterra: sì alle nozze gay

Il provvedimento richiesto da Cameron per l'approvazione dei matrimoni gay in Inghilterra è stato approvato alla Camera dei Lord. Mancano ora solo gli ultimi dettagli.

Inghilterra: sì alle nozze gay

Anche in Gran Bretagna è sì ai matrimoni gay. Martedì sera la Camera dei Lord ha approvato il provvedimento che introduce le nozze tra persone dello stesso sesso, proposto da David Cameron, con ben 390 voti a favore; i contrari sono stati invece 148. La legge aveva già ricevuto il via libera della Camera dei comuni.
Ora mancano solo alcuni passaggi: la terza lettura alla Camera dei Lord e il sigillo reale della regina Elisabetta. Si tratta però di faccende burocratiche, che difficilmente riusciranno a mettere in discussione quanto deciso martedì sera.
La Gran Bretagna potrebbe quindi essere il quindicesimo Paese a dire sì alle nozze gay, dopo Nuova Zelanda, Uruguay, Olanda,  Belgio, Spagna, Canada, Sudafrica, Norvegia, Svezia, Portogallo, Islanda, Argentina, Danimarca, Messico e Stati Uniti. L'ultimo Paese ad aver approvato i matrimoni gay è stata invece la Francia che, il 29 maggio, ha visto la celebrazione delle prime nozze tra omosessuali della Nazione, quelle tra Vincent Autin e Bruno Boileau. 

Nozze gay inghilterra

La votazione
L'approvazione del provvedimento per i matrimoni omosessuali è stata tutt'altro che una passeggiata. Lord Geoffrey Dear, membro indipendente dell'assemblea, ha infatti presentato una mozione con la quale chiedeva di impedire la seconda lettura della proposta di legge. «Questo provvedimento – ha dichiarato il Lord - non fa che sconvolgere secoli di tradizione, ignorando il volere dell'opinione pubblica e i consigli dei leader religiosi». Il dibattito è andato avanti per due giorni, e la mozione ha trovato diversi appoggi, tra i quali quello di Justin Welby, arcivescovo di Canterbury. Tra i vari oppositori troviamo anche alcuni elementi del partito conservatore, ancora una volta spaccato in due. «Cinquanta anni fa quelli che criticavano Cristo erano perseguitati oggi quelli che lo promuovono sono perseguiti», ha dichiarato il conservatore Lord Vinson, il quale ha reclamato l'introduzione di una serie di norme a tutela di coloro che, per questioni religiose, non possono accettare il matrimonio gay.
Alla fine, però, nonostante le opposizioni, la mozione è stata respinta: con una maggioranza di 242 voti la Camera dei Lord ha optato per il sì.

Nozze gay inghilterra

I festeggiamenti
Moltissime coppie gay hanno deciso di scendere in piazza a manifestare la propria felicità; numerose erano davanti a Westminster con palloncini, striscioni e urla di gioia. A Soho, lo storico quartiere gay di Londra, sono previsti diversi festeggiamenti e celebrazioni. Gli omosessuali, comunque, preferiscono ancora non sbilanciarsi e rimandare i veri festeggiamenti al momento in cui la regina Elisabetta porrà il proprio sigillo sulla legge.

Di Francesca Ferrandi © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami