Home » Società » Attualità » Italia: secondo Paese al mondo per longevità

Italia: secondo Paese al mondo per longevità

In Italia si vive,in media,circa 81 anni e mezzo. E’ ciò che emerge dagli studi di una rivista scientifica, provocando l’invidia della Gran Bretagna. Il segreto? La miracolosa dieta mediterranea.

Italia: secondo Paese al mondo per longevità

Dieta mediterranea: una ricetta per la longevità. E’ questo il dato principale che emerge dallo studio “ Global burden of disease" pubblicato dalla rivista scientifica “ The Lancet”. L’intento di tale ricerca? Stilare una classifica dei Paesi in cui il “carico delle malattie” (da qui il nome dello studio “burden of disease”) incida meno sulla longevità delle persone. Il risultato, che ha richiesto uno studio approfondito in 187 paesi da parte di ben 486 ricercatori, ci fa sorridere e ben sperare: l’Italia, nonostante i tantissimi problemi da cui è quotidianamente toccata – crisi economica e problemi al sistema sanitario, per citarne alcuni – è uno dei Paesi al mondo in cui si vive più a lungo, seconda sola al Giappone.

Longevità italiana

L’invidia inglese
Se questo dato rende orgogliosi noi italiani c’è chi, alla vista della classifica, ha sorriso un po’ di meno. Stiamo parlando degli inglesi che, da sempre, hanno visto nel loro stile di vita un modello da sbandierare orgogliosamente al resto del mondo. Uno stile di vita, il loro, che li ha portati, però, solo al quattordicesimo posto nella classifica di “The Lancet”, con una vita media di 80 anni, ben uno e mezzo in meno rispetto al Bel Paese.
E’ stato proprio il secondo posto degli italiani a lasciare senza parole i britannici che, quasi scandalizzati, si sono chiesti come fosse possibile che, in un Paese in cui si beve, si fuma e c’è la presenza di una profonda crisi economica, si vivesse così tanto.


La dieta mediterranea
Come ha fatto la Dolce Vita italiana a superare la British Good Life? Fergus Whal, giornalista della BBC si è rivolto direttamente all’Istituto Superiore di Sanità per comprendere il motivo di questa “disfatta” britannica. La risposta della dirigente dell’Istituto, Stefania Salmaso, è stata chiara: il segreto non è altro che la rinomatissima e miracolosa dieta mediterranea. In particolare l’assunzione giornaliera di una grande varietà di verdure fresche, l’uso dell’olio d’oliva al posto dei grassi di origine animale e la predilezione di un bicchiere di vino a ogni pasto piuttosto che di una bottiglia di superalcolico, ha decretato la schiacciante vittoria italiana sopra i britannici.

Longevità italiana

Condizioni di salute
Qualche giorno fa, infine, sono state pubblicate anche le schede relative ai singoli Stati. Scopriamo così che, nonostante bisognerebbe migliorare ancora ciò che riguarda pressione alta, fumo e vita sedentaria, il Bel Paese è il sesto al mondo per quanto riguarda le condizioni di salute.
Una boccata di aria fresca per noi italiani che, per un attimo, dovremmo imparare a mettere da parte i problemi economici e pensare a quanto siamo fortunati a vivere in un Paese così ricco…di salute!

Di Francesca Ferrandi © Riproduzione Riservata
TAG  dieta  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami