Home » Società » Attualità » #Ionontiabbandono: la campagna contro l'abbandono degli animali

#Ionontiabbandono: la campagna contro l'abbandono degli animali

La pratica dell'abbandono degli animali, soprattutto in estate, è sempre più diffusa. Per contrastarla nasce la campagna #Ionontiabbandono

#Ionontiabbandono: la campagna contro l'abbandono degli animali

L'estate è sinonimo di ferie, riposo, spensieratezza e divertimento. Tutti l'aspettiamo sempre con ansia e trepidazione, desiderosi di poter finalmente prenderci cura di noi stessi. Tutti, tranne loro: i nostri amici a quattro zampe.
Sempre con più veemenza, infatti, l'estate ha iniziato a colorarsi di un nuovo significato che, per quanto lo si voglia celare dietro scuse campate in aria, ha un nome ben preciso: abbandono degli animali. Il motivo? Semplice: quando si prospetta la possibilità di potersi riposare un po', il padrone tipo non vuole pulci e peli tra i piedi – seppure organizzare una vacanza in compagnia di un amico a quattro zampe non sia poi tanto difficile. E così il povero cane-gatto-tartaruga-criceto-coniglio che fino a due giorni prima veniva dipinto come l'amico più fidato – o almeno, questo faceva comodo scrivere per accaparrarsi qualche “Mi piace” sui social network – diventa improvvisamente d'intralcio. E la pratica barbara dell'abbandono degli animali, sì, sembra essere l'unica soluzione.

Abbandono degli animali: la campagna #Ionontiabbandono
Stando alle statistiche, l'abbandono degli animali è una pratica sempre più diffusa nel nostro Paese: le stime della Lega AntiVivisezione parlano di circa 80mila gatti e 50mila cani abbandonati in media ogni anno, con un grande picco nei mesi caldi. Abbandonati dove, poi? Solitamente sulle autostrade o sulle strade a scorrimento veloce, dove il pericolo di morte è elevatissimo.
Per contrastare questo fenomeno, la Lega Nazionale per la Difesa del Cane e la società concessionaria per la gestione delle autostrade A24 e A25 hanno deciso di dar vita alla campagna #Ionontiabbandono. Si tratta di un'iniziativa volta a sensibilizzare i padroni di animali domestici tramite il lancio di contenuti mirati sui social network e l'affissione, nelle stazioni di servizio, di manifesti che possano con il loro messaggio far desistere anche i più convinti.
Abbandono degli animali: cosa dice il codice penale
Con la campagna #Ionontiabbandono non si vuole solo sensibilizzare, ma anche informare circa la pratica dell'abbandono degli animali. Il comunicato lanciato dalla Lega Nazionale per la Difesa del Cane e dalla società concessionaria per la gestione delle autostrade A24 e A25 spiega infatti come, oltre che essere un gesto crudele, lasciare un animale a quattro zampe significhi anche «commettere un reato ai sensi dell'art.727 del Codice Penale. La legge prevede che chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro».

Cosa si può fare, quindi? Innanzitutto supportare la campagna tramite l'hashtag #Ionontiabbandono. E, in aggiunta, procedere per le vie legali: chiunque assista a un episodio di abbandono degli animali deve sporgere immediatamente denuncia alle forze dell'ordine, magari scattando una foto o filmando un video con il proprio smartphone.

Di Francesca Ferrandi © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami