Home » Società » Attualità » 17 Novembre: Giornata Mondiale dei Bambini Prematuri

17 Novembre: Giornata Mondiale dei Bambini Prematuri

Il 17 novembre è la giornata mondiale dedicata ai piccoli nati pre-termine. Ecco tutte le iniziative e gli eventi per supportare le famiglie e i bambini che vivono questa situazione

17 Novembre: Giornata Mondiale dei Bambini Prematuri

Sono passati ormai 10 anni dalla Riunione tenutasi a Roma il 17 novembre 2008 della European Foundation for the Care of Newborn Infants (Efcni). Durante l'incontro uno dei fondatori dell'organizzazione divenne finalmente papà dopo aver perso i primi 3 bimbi nati pre-termine.
Da quel momento oltre all'Efcni anche molte altre associazioni hanno coinvolto oltre 100 Paesi in tutto il mondo per celebrare la Giornata Mondiale dei bambini prematuri.


Percentuali e dati di questo fenomeno
Ogni anno, solo in Italia, il 10% delle nascite avviene prima della 37esima settimana di gravidanza e fino a qualche anno fa per il 70% di questi piccoli era davvero difficile sopravvivere.
Oggi, grazie alla ricerca e alla medicina, la percentuale di mortalità si è notevolmente abbassata arrivando al 15%.
Dal momento che le cure nella prima ora di vita del piccolo nato pre-termine sono fondamentali, l'intento della giornata mondiale dei bambini prematuri è proprio quella di sensibilizzare le persone.
Il 17 novembre vengono organizzati convegni, incontri, simposi e attività in tutto il mondo per dare una corretta informazione riguardo le cause di un parto prematuro e ai trattamenti necessari.


Iniziative ed eventi
In occasione della giornata mondiale dei bambini prematuri centinaia di città in tutto il mondo vengono illuminate di viola, il colore simbolo di prematurità. Per quanto riguarda le iniziative, nel nostro Paese vi sono diversi eventi dedicati a tutti i genitori che affrontano questa situazione.

A Milano, presso la libreria Feltrinelli di Piazza Duomo, vengono organizzati incontri con alcuni osteopati specializzati in un progetto di ricerca sul supporto neonatologico.
A Verona, invece, presso Villa La Mattarana viene allestita una mostra fotografica intitolata Io posso, e ci saranno diverse attività per bambini tenute dal personale medico di Terapia intensiva neonatale.
Per diverse giornate, poi, al Policlinico di Bologna si svolgeranno concerti e laboratori di musicoterapia per pazienti ricoverati nei reparti pediatrici.
In tutti i reparti italiani di terapia intensiva neonatale verranno distribuiti a genitori e al personale sanitario dei braccialetti viola.
Infine in occasione di questa giornata la Società Mondiale di Neonatologia ha deciso di lanciare la campagna T-Proteggo con la scopo di migliorare l'assistenza e la gestione del neonato pre-termine.

Purtroppo in Italia la maggior parte dei reparti specializzati si trova al Nord, mentre al Centro e al Sud c'è carenza di strutture adeguate che costringono parecchi genitori a trasferirsi per un periodo di tempo.
È fondamentale, oltre che curare i piccoli, informare e supportare mamme e papà che il più delle volte si ritrovano impreparati, impauriti e spaventati quando la gravidanza si conclude anzitempo.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami