Home » Società » Attualità » Essere gay e desiderare un figlio

Essere gay e desiderare un figlio

Che cosa spinge un omosessuale a desiderare un figlio, rivendicando il diritto, non solo umano ma anche giuridico, di essere genitore come un etero? Psicologicamente un figlio ha diritto a due figure diverse, una materna e una paterna, o può comunque crescere bene all'interno di una famiglia omosessuale? Al di là dei gossip e di ciò che oggi prevede la legge italiana, vediamo da un punto di vista psicologico e sociale perché anche gli omosessuali desiderano un figlio.

Essere gay e desiderare un figlio

Omosessualità e genitorialità
Si riesce più facilmente ad accettare l'idea che un bambino abbia due mamme (nelle coppie lesbiche), mentre è più difficile immaginare una famiglia con due papà, senza una presenza femminile in cui si incarni la figura materna. Si pensa sempre che il desiderio di un figlio sia naturale nelle donne e quindi si tende più ad accettarlo nelle coppie lesbiche, ma lo stesso desiderio può esistere anche nell'uomo, indipendentemente dalle sue inclinazioni sessuali. La paternità fa parte della struttura psichica maschile e può esprimersi anche in modo simbolico con l'assunzione di una funzione paterna sociale.
L'omosessualità non qualifica l'intera personalità di una persona e non influisce affatto sul desiderio di un figlio. Così come per gli eterosessuali, anche i gay possono avere o non avere un forte impulso verso la paternità o la maternità. Tuttavia proprio l'impossibilità, naturale e talvolta legale, di realizzare questo desiderio all'interno della coppia, in alcuni casi non fa che accentuarlo, trasformando il desiderio in ossessione.

Coppie gay figliCoppie che non rinunciano al proprio desiderio
Se alcune coppie omosessuali accettano il fatto che non potranno diventare genitori, perché la natura vuole che ci siano un uomo e una donna per realizzare questo desiderio, molte altre, nonostante in Italia non ci sia una legge adeguata, decidono ugualmente di diventare genitori, o andando in Paesi dove è possibile farlo, oppure ricorrendo a coppie di amiche lesbiche o ad amiche etero deluse e desiderose di maternità. Qualunque sia il percorso scelto, molte coppie omosessuali decidono di non rinunciare a questo desiderio e la sua realizzazione è sinonimo di libertà.

E i figli di coppie omosessuali come crescono?
La preoccupazione di psicologi e pedagogisti, non va alla coppia in sé, bensì ai figli che nasceranno e cresceranno all'interno di essa. Come influisce sul loro sviluppo psichico il fatto di avere due genitori dello stesso sesso? Secondo le ricerche effettuate nei Paesi dove l'omoparentalità è un fenomeno di notevoli proporzioni, i figli di coppie gay o lesbiche non presentano sostanziali differenze rispetto a quelli cresciuti in famiglie tradizionali, né manifestano una maggior tendenza all'omosessualità.
Secondo l'Associazione di Psicologia Americana, l'omosessualità è compatibile con il ruolo di genitori e non costituisce un Coppie gay figlirischio per i figli. In fondo, in una società in cui i figli crescono in famiglie ricomposte, monoparentali, nascono da procreazione assistita o provengono da adozioni, non esiste quasi più, o comunque non soltanto, il classico triangolo madre-padre-figlio, e i processi di identificazione, necessari ad un buono sviluppo, possono avvenire anche grazie alla presenza di altre figure (parenti, amici, scuola,...), così come avviene nelle famiglie monoparentali.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  omosessualità  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami