Home » Società » Attualità » Ida, il fossile di 47 milioni di anni

Ida, il fossile di 47 milioni di anni

E’ forse questo l’anello di congiunzione tra uomo e scimmia, il mistero è stato svelato completamente?

Fossile Ida


Il 19 Maggio al Museo di Storia Naturale di New York è stato presentato ufficialmente il fossile scoperto in Germania datato 47 milioni di anni che rappresenta una grande passo per gli scienziati alla ricerca della comprensione dell’evoluzione umana dalla scimmia all’uomo. E’ stato definito l’anello mancante che da tempo si sta cercando nell’evoluzione della specie.

Ida è una giovane femmina somigliante a un lemure (mammifero del Madagascar simile a un furetto) moderno, dalle dimensioni di una marmotta, in cui si riscontrano caratteristiche della specie umana. Il nome Ida deriva dalla figlia del paleontologo norvegese Jorn Hurum che dopo aver recuperato il primo pezzo da un ignoto proprietario ha iniziato le ricerche sul reperto.

Questo fossile è anche denominato “Darwinius masillae” cioè la “Creatura di Darwin” in onore del bicentenario della sua nascita che ricorre quest’anno.

Il fossile è stato ritrovato in una buca della miniera in disuso di Messil, località in Germania a una quarantina di chilometri da Francoforte, dove è stato recuperato nel 1983. Questo reperto di epoca Eocene (da 55 a 33 milioni di anni fa) suddiviso e venduto in due parti separate si è “riunito” solo nel 2007. Da qui gli studi e i raffronti su Ida, vissuta 47 milioni di anni fa nella fase temporale denominata Luteziana che ha in sé caratteristiche di trasformazione dai primitivi primati alle attuali condizioni della natura moderna. Oltre alle caratteristiche tipiche di questi animali Ida ha però pollici opponibili, cioè uno di fronte all’altro, caratteristica tipica umana.
Ida fossile

Questo fossile rappresenta quindi la linea di separazione, o meglio di congiunzione, tra le due tipologie di primati mammiferi suddivise in scimmie e scimpanzé antropomorfi (che comprendono l’Homo Sapiens) e in tutti gli altri esclusi i precedenti (Prosimiani).

Ai tempi della sua scoperta, questo fossile fu unicamente presentato alla comunità scientifica e alla stampa come il più completo reperto di un primate mai ritrovato. Ida è vissuta subito dopo l’estinzione dei dinosauri, quando i mammiferi primi tra tutti iniziarono a diffondersi e a moltiplicarsi. Da questi primati si divisero e si svilupparono le specie antropomorfe come scimmie e scimpanzé.
Fossile Ida

Due sono state le chiavi su cui si è evidenziata la differenza strutturale che ha portato a quest’analisi finale di un fossile di transizione. I lemuri hanno artigli e denti particolari, in questo fossile invece non si hanno artigli ma dei pollici opposti con unghie, occhi frontali e distanziati e denti simili agli scimpanzé. Le mani hanno cinque dita che probabilmente servivano a Ida per arrampicarsi e afferrare la frutta, gli arti sono flessibili e relativamente corti. In base alle analisi della mandibola, dove i molari non sono ancora sviluppati, Ida doveva avere circa nove mesi o sei anni umani quando è morta a causa di una frattura al polso che le ha probabilmente impedito di sfamarsi, forse poi scivolata nell’acqua è morta e depositandosi sul fondo vi è rimasta a “dormire” per tutto questo tempo.

Ed ecco che oggi questo piccolo animaletto riesce a rivelare quali siano stati i delicati passaggi in tutti questi anni che hanno portato allo sviluppo e alla modifica fisica della specie umana sino ad arrivare ai giorni nostri. Forse può sembrare una cosa minima quasi trascurabile ma in questo è la chiave per definire meglio le teorie di Darwin che hanno cercato una risposta al grande interrogativo dell’origine della specie.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami