Home » Società » Attualità » Elezioni europee 2014, italiani al voto domenica

Elezioni europee 2014, italiani al voto domenica

Il 25 maggio si voterà per eleggere i rappresentanti italiani da mandare in Europa. Ecco cosa sapere prima di presentarsi ai seggi

Elezioni europee 2014, italiani al voto domenica

Le elezioni europee si avvicinano: tra qualche giorno anche gli italiani, come gli altri cittadini dell’Unione, saranno chiamati alle urne. Domenica 25 maggio, i seggi resteranno aperti dalle 7 alle 23. Per votare è necessario presentare un documento di identità valido e la tessera elettorale – da controllare che vi sia ancora uno spazio per il timbro di domenica.

Possono votare tutti i cittadini che abbiano compiuto 18 anni d’età da più di 45 giorni. Il voto espresso servirà per nominare 73 membri del Parlamento europeo che rappresenteranno l’Italia per i prossimi cinque anni.

Modalità di voto
L’elettore riceverà una scheda di diverso colore a seconda della circoscrizione di appartenenza (le circoscrizioni sono cinque: quella nord-occidentale, che comprende Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria e Lombardia, quella nord-orientale, con Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia Romagna, quella dell’Italia centrale, con Toscana, Umbria, Marche, Lazio, dell’Italia meridionale, con Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria, e insulare, con Sicilia e Sardegna).

Si vota solo con la matita copiativa (indelebile) data in sede di voto. L’elettore deve tracciare la preferenza facendo una “x” sul simbolo del partito preferito. Si potranno esprimere fino a tre preferenze, non si possono segnare più di due candidati di sesso maschile – quindi, chi volesse esprimere tre nomi, ricordi che uno di questi dovrà essere di una candidata donna, pena l’annullamento della terza preferenza.

Si può esprimere un solo voto di preferenza per un candidato delle liste rappresentative delle minoranze di lingua francese della Valle d’Aosta, di lingua tedesca della provincia di Bolzano o di lingua slovena del Friuli Venezia Giulia, che sia collegata ad altra lista presente in tutte le circoscrizioni nazionali.

I voti si esprimono scrivendo, nelle apposite righe tracciate a fianco del contrassegno della lista votata, il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti compresi nella lista medesima; in caso di identità di cognome fra più candidati, si deve scrivere sempre il nome e il cognome e, se occorre, la data e il luogo di nascita.


Il recupero della tessera elettorale
In caso di smarrimento o esaurimento degli spazi nella tessera elettorale, il Comune di residenza assicura un servizio per la sostituzione gratuita. Il servizio verrà potenziato nei due giorni che precedono il voto (venerdì e sabato) e nel giorno delle votazioni (dalle 9 alle 18 venerdì e sabato, dalle 7 alle 23 domenica).

In Piemonte e Abruzzo
Nelle due regioni si svolgeranno anche le elezioni regionali. La scheda per eleggere la giunta è di colore verde.

Di che partito sei?
Anche per le elezioni europee, così come per quelle nazionali, esiste un sito internet (Voisietequi) che rivela, agli elettori confusi, l'orientamento politico. Il test prevede 25 affermazioni, chi lo compila si può definire contrari (o tendenzialmente, o fortemente) o favorevoli (o tendenzialmente, o fortemente). Alla fine, il test dirà quali a quali partiti l'elettore è più affine.

Di Caterina Michelotti © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami