Home » Società » Attualità » Bambino di un anno ucciso dal suo cane

Bambino di un anno ucciso dal suo cane

E’ successo alle porte di Roma e si riaccendono le polemiche sulle razze canine troppo feroci.

Mastino napoletanoQuesta mattina mentre il piccolo Alessandro stava uscendo di casa con la nonna per fare una passeggiata uno dei due cani di casa, un mastino napoletano di quattro anni, lo ha azzannato  proprio sul vialetto d'ingresso della villetta di Genzano, dove viveva con la sua famiglia. Dalla ricostruzione della tragedia avvenuta stamattina a Colli di Cicerone, frazione di Genzano, sembrerebbe che il cane, in modo del tutto improvviso e inaspettato e senza alcun motivo, abbia azzannato e ucciso il bambino di 11 mesi.

La nonna del piccolo Alessandro ha raccontato agli agenti di polizia intervenuti sul luogo della tragedia che stava uscendo di casa per fare una passeggiata con suo nipote quando all'improvviso il cane si è scagliato sul bambino, seduto nel passeggino, e lo ha preso ripetutamente a morsi. La rabbiosa aggressione compiuta dal cane, da anni in casa del bambino, ha colto di sorpresa la nonna che successivamente ha inutilmente tentato di mettere in salvo il nipotino rimanendo ferita a sua volta.
 
Neanche l’aver chiesto aiuto ai genitori del piccolo, subito accorsi, ha permesso di evitare che si verificasse l’irreparabile; il padre intervenuto tempestivamente non ha potuto far altro che trasportare il piccolo Alessandro all'ospedale di Genzano dove purtroppo il bambino è arrivato già privo di vita.
La nonna, che ha subito anche lei ferite dovute ai morsi ricevuti dal cane, è stata invece trasportata in ambulanza all'ospedale di Velletri dove sarà tenuta una notte sotto osservazione.

Dai controlli eseguiti la polizia ha potuto rilevare che l'animale risulta essere regolarmente registrato e vaccinato.
Il cane, ad oggi, non aveva mai dato segni di aggressività e forse proprio questo ha reso più vulnerabile il piccolo Alessandro e la nonna che di certo non si aspettavano un attacco così repentino e violento. L’animale è stato sedato e affidato ai veterinari della Asl Roma H in attesa che venga stabilito quale sarà la sua sorte. Inoltre la polizia, al fine di evitare gesti inconsulti da parte dei familiari, ancora sotto shock, ha sequestrato momentaneamente la pistola detenuta regolarmente dal padre del bambino.
Bambino ucciso da un mastino napoletano
A seguito della tragedia si sono riaccese le polemiche sui cani più aggressivi e sulla loro gestione: il sottosegretario al Welfare Francesca Martini, nell’esprimere cordoglio e partecipazione per la morte del piccolo ha annunciato che entro febbraio verrà emanata un’ordinanza sui cani e la prevenzione delle aggressioni.
L'ordinanza "sottolinea l'aspetto della responsabilità nella gestione dell'animale anche all'interno delle mura domestiche". Il sottosegretario sottolinea che con questa ordinanza "si introduce il concetto della formazione dei proprietari, che devono conseguire un apposito patentino e avere consapevolezza dei potenziali pericoli". L'ordinanza, dovrà prevedere anche che i veterinari "debbano segnalare alle Asl le situazioni di potenziale pericolo".

A seguito della comunicazione dell’ordinanza da parte del sottosegretario Martini, non si sono fatte attendere le repliche da parte del Codacons e del Moige che hanno apertamente criticato lo stesso intervento. L'associazione dei consumatori, ha inteso sottolineare che, ad oggi, il mastino napoletano non è inserito tra le razze ritenute pericolose ed inoltre ha voluto rilevare che sottosegretario alla Salute Francesca Martini "sta addirittura per eliminare la lista delle 17 razze attualmente considerate potenzialmente pericolose".
Mastino napoletano
Il Movimento Italiano Genitori con un comunicato stampa ha invece affermato che "L'episodio accaduto oggi a Genzano dimostra ancora una volta l'urgenza della sterilizzazione delle razze feroci, già in atto in altri Paesi europei, e la necessità dell'introduzione di norme più severe in merito. La nuova ordinanza – afferma ancora il Moige - imporrà l'uso del guinzaglio corto ma non la museruola che invece sarà collegata a determinate caratteristiche dell'animale, come peso o stazza, e non alla razza".

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami