Home » Società » Attualità » Accensione albero di natale in piazza San Pietro Roma

Accensione albero di natale in piazza San Pietro Roma

Sabato 13 dicembre 2008 in piazza San Pietro a Roma si è tenuta la tradizionale accensione dell'albero di Natale

Accensione albero di natale in piazza San Pietro Roma

Ore 18.00 del 13 Dicembre. Finalmente la pioggia si è fermata. Lentamente sta tornando tutto alla normalità. Dalle notizie il Tevere non è più una minaccia, così anche la gente che pur non trovandosi vicino alle zone devastate dal maltempo, esce molto più volentieri. Camminando verso Piazza S. Pietro, attraversando Piazza Risorgimento, si vedono le luci del mercatino artigianale natalizio che illuminano tutto attorno in modo allegro e gioviale, i fili luminescenti appesi ai lampioni completano la cornice e accompagnano la passeggiata. In lontananza appare il colonnato che circonda la piazza e la cupola illuminata.

La gente attorno è una delle più cosmopolite che si possa trovare in Italia, lingue di ogni tipo, sorrisi da tutto il mondo che incuriositi si aggregano ai romani che vanno verso la piazza per la cerimonia dell’accensione dell’albero di Natale. Finalmente superate le colonne si apre lo scenario della cattedrale intera, la scalinata, la cupola, il palazzo papale, il colonnato che circonda la piazza, la fontana e l’albero altissimo (circa 30 metri) donato dall’Austria al pontefice, posizionato vicino al presepe, che sta per essere acceso.
Se riuscite a posizionarvi verso il centro della piazza nel punto indicato da una croce sul lastricato potete vedere come la perfezione del posizionamento delle colonne del Bernini fa l’effetto di avere solo un unico colonnato invece di tre file di colonne. Tutto sembra perfetto e di fronte a questo esempio di bellezza architettonica per il mondo si riesce a dare una immagine dell’eternità. Sembra di perdere il senso del tempo, lo scenario così era in passato, così è oggi e così sarà nel futuro….tutto quanto è indistruttibile. Le luci ad illuminare la piazza e gli edifici che sfidano il mondo creano un effetto molto irreale, ovattato, nonostante la gente presente che parla e si muove, sembra tutto molto rallentato, molto mistico. La piazza piano piano si riempie.

Ed ecco che ci si prepara all’accensione delle luci dell’albero. Bambini che continuano a rincorrersi, bambini con il naso in aria e non solo, tutti girati verso uno dei simboli natalizi più tradizionali e antichi non solo nella cultura cattolica, ad aspettare che si riempia di luce. Gente dovunque, anche da via della Conciliazione continua l’afflusso di romani e di turisti. Tutti aspettano, ci si accalca verso le transenne vedendo armeggiare gli addetti alla manutenzione vicini all’albero e il bambino prescelto che accenderà le luci. Il tempo passa…viene data la benedizione dal Cardinale, purtroppo non tutti sentono parole di pace e di speranza. Ed ecco una esplosione di luce… Voci di meraviglia, applausi, sicuramente le luci cambiano totalmente l’aspetto di un abete che sino a un attimo prima era solo “grande”.

Ora l’aspetto dell’albero è cambiato sicuramente, oltre all’altezza riempie con la luce tutto attorno, tutto si illumina, i nastri dorati, le palline trasparenti cambiando clima alla piazza esprimendo allegria e gioia. La pioggia un poco ha ripreso, gli ombrelli si aprono ma la gente rimane ad osservare le luci e l’ambiente, qualcuno inizia a spostarsi , magari va ad osservare il presepe e lentamente rientra a casa. Tra pochi giorni sarà Natale.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami