Home » Sesso » Sessualità » Fantasie sessuali

Fantasie sessuali

Pochi sono disposti ad aprire il cassetto delle loro fantasie, eppure tutti hanno un immaginario erotico, che si sviluppa sin da bambini, fa bene al cervello e favorisce l’intesa sessuale

Fantasie sessuali

La vita sessuale delle persone, trae un grande vantaggio dall’impiego delle fantasie sessuali, perché come ha sottolineato John Money, un noto psicosessuologo americano, l’organo sessuale più potente è il cervello.
L’immaginario erotico viene definito come la facoltà dell’essere umano di autoerotizzarsi mentalmente attraverso la creazione di fantasmi e può essere considerato l’equivalente di una zona erogena intrapsichica.
Il fantasma erotico può presentarsi spontaneamente e l’immagine si elabora al di fuori della coscienza per comparire in seguito, oppure il fantasma viene provocato volontariamente ed esige uno sforzo mentale. Solitamente al di fuori dell’attività sessuale il fantasma è più spontaneo di quello che sopraggiunge durante l’attività sessuale.

In sessuologia si distinguono:
- fantasie sessuali  primarie, che si creano in situazioni particolari, spesso si formano durante l’infanzia (intorno ai cinque anni, quando i bambini iniziano a notare le differenze con l’altro sesso) e non si modificano più; con il passare degli anni si arricchiscono di contenuti e particolari, ma sostanzialmente restano identiche, perché esprimono il bisogno di conoscere ciò che è stato “nascosto” durante l’infanzia;
- fantasie secondarie che, invece, hanno un’esistenza più breve e il loro contenuto si elabora partendo da stimoli quotidiani; solitamente vengono attivate per prime nell’attività sessuale per aumentare l’eccitazione e se non sono sufficienti vengono supportate o sostituite con quelle di primo tipo.


Credits: Foto di @StockSnap | Pixabay
Durante l’attività sessuale con il partner,  possono sopraggiungere:
- fantasmi convergenti  che fanno parte integrante  dell’incontro sessuale;
- fantasmi divergenti sono completamente dissociati dall’incontro sessuale effettivo; questi ultimi solitamente necessitano di uno sforzo mentale maggiore e scaturiscono da rapporti sessuali routinari (un tipico esempio è fare l’amore con il proprio partner e pensare a un altro uomo) e solitamente sono più rari nelle attività sessuali con nuovi partner.
La fantasia sessuale non può essere perfettamente realizzabile a causa del divario che separa reale e immaginario e la maggior parte delle persone per salvaguardare il proprio sistema morale, realizza solo una piccola parte dei propri fantasmi.
Fantasie sessuali femminili e fantasie maschili.


Credits: Foto di @pixel2013 | Pixabay
È stato evidenziato da alcune ricerche che solitamente le fantasie sessuali femminili sono più trasgressive di quelle maschili. Per secoli la donna è stata abituata a vivere la sessualità in modo passivo e quindi a livello inconscio, avere un ruolo attivo viene vissuto come una colpa.
Nella donna i fantasmi erotici più ricorrenti sono di tipo:
- esibizionistico (farsi vedere mentre fa l’amore)
- narcisistico (mostrare le sue nudità in pubblico)
- masochistico (essere violentata o trattata male)
- omosessuale (avere rapporti con altre donne)

A livello di immaginario gli uomini sono più poligami delle donne e le fantasie più ricorrenti sono di tipo:
- voyeuristico (vedere una coppia mentre è in situazioni intime)
- poligamico  (avere rapporti con due o più donne contemporaneamente)
- fantasmi di tipo feticistico (provare eccitazione quando una donna indossa un particolare indumento)
- fantasmi di iniziazione (andare con donne vergini).

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO



Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami