Home » Sesso » Sessualità » Eiaculazione retrograda: quando il liquido seminale non esce - Parte 1 di 2

Eiaculazione retrograda: quando il liquido seminale non esce

Un disturbo chiamato anche orgasmo asciutto, in cui lo sperma, in seguito all'orgasmo, anziché fuoriuscire viene respinto in vescica. Perché capita? E cosa bisogna fare?

Eiaculazione retrograda: quando il liquido seminale non esce

Durante l'orgasmo maschile, in condizioni normali, lo sperma fuoriesce dal pene attraverso l'uretra; ci sono alcune situazioni, però, in cui l'uomo presenta un disturbo chiamato eiaculazione retrograda conosciuto anche con il nome di “orgasmo asciutto”.
In tali casi il liquido seminale non va verso l'estero ma si riversa in vescica e viene espulso insieme all'urina durante la minzione, facendo apparire la pipì torbida e densa.
Questo fenomeno, differente dall'anorgasmia, è piuttosto raro, non è doloroso e nemmeno dannoso ed il più delle volte non è necessario intervenire chirurgicamente: l'unico problema solitamente si presenta quando si è alla ricerca di un figlio.


Cause principali
La prima cosa da dire è che l'eiaculazione retrograda può essere temporanea o permanente in base a alla causa che la provoca; ci sono poi situazioni in cui lo sperma viene riversato totalmente in vescica e casi in cui si ha una minima fuoriuscita (meno di 2 ml.)
La maggior parte degli uomini che soffrono di questo disturbo hanno subìto interventi chirurgici e endoscopici all'uretra, alla prostata, al collo vescicale, che alterano la muscolatura dello sfintere uretrale liscio; anche l'asportazione di tumori del bacino e del basso addome possono essere una delle cause di questo fenomeno.
Inoltre traumi fisici alla vescica, deficit neurologici e malattie come il diabete, la sclerosi multipla e danni al midollo spinale sono solitamente tra i motivi che provocano l'orgasmo asciutto.
Infine può essere l'effetto collaterale dell'assunzione di alcuni farmaci come antipertensivi, antidepressivi, ansiolitici e alfa-litici.
È molto importante che i medici prima di operare o di prescrivere medicinali informino i pazienti sui possibili effetti secondari; in questo modo gli uomini sono preparati ed evitano anche traumi psicologici sopratttto di fronte a condizioni irreversibili.

Di © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami