Home » Sesso » Seduzione / Erotismo » Cinque zone erogene da non dimenticare - Parte 1 di 2

Cinque zone erogene da non dimenticare

Per riscoprire il piacere con il proprio compagno di lungo corso e risvegliare il desiderio, o per iniziare a conoscere un nuovo partner, ecco alcune zone del corpo da non tralasciare mai

Cinque zone erogene da non dimenticare

Vi avevamo già parlato del ruolo fondamentale che coccole e carezze rivestono nella sessualità perché stimolano la pelle, organo della comunicazione primaria, attraverso il tatto che è l'unico dei sensi che non si spegne mai. Per questo motivo è importante quando si fa l'amore non dimenticarsi del potere che ha un massaggio, una carezza o lo sfiorare dolcemente il corpo. Toccandosi a vicenda si scoprono ogni volta parti sensibili che regalano piacere e ristabiliscono l'intesa.

Oltre alle classiche zone erogene, ecco perciò 5 parti che non bisogna mai dimenticare di stimolare
.


Credits: Foto di @elementus | Pixabay 5 Parti da ricordare
Molte persone ignorano il fatto che tutto il nostro corpo è ricco di recettori che se stimolati nella maniera adeguata regalano un piacere intenso e, in alcuni casi, l'orgasmo. Bisogna sapere che oltre al seno, ai genitali e ai glutei, ci sono altre 5 zone erogene da non dimenticare.

  1. L'addome
    Accarezzare la pancia e l'ombelico dona sensazioni molto intense, soprattutto se si tocca questa parte con la punta delle dita; il piacere aumenta se si stimola l'addome con la bocca, il viso o i capelli.
  2. Testa e capelli
    Giocare con le dita tra i capelli del partner, muovere le mani sul cuoio capelluto con leggere pressioni, scendere verso le tempie, baciare occhi e labbra, scendendo fino al collo stimola il desiderio e regala alle coppie un piacere nuovo.

Di © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO



Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami