Home » Sesso » Problemi / Curiosità » Sindrome dell'ovaio micropolicistico

Sindrome dell'ovaio micropolicistico

La sindrome dell'ovaio micropolicistico, anche chiamata PCOS, è un disturbo frequente nelle donne in età fertile. Vediamo insieme di cosa si tratta e come si cura.

Sindrome dell'ovaio micropolicistico

La sindrome dell'ovaio policistico è una condizione molto frequente nelle donne in età fertile e comprende un insieme di disordini ovarici, caratterizzati dall’assenza dell’ovulazione che può essere continua o sporadica, da iperandrogenismo, cioè aumento degli ormoni maschili e dall'aspetto policistico dell'ovaio all'ecografia.

Da recenti studi risulta che la sindrome presenta una frequenza che varia dal 5 al 10% delle donne in età riproduttiva, si ritiene quindi che l’ovaio policistico sia il disordine endocrino che si riscontra con più frequenza nelle donne in età fertile.
La sindrome ha una causa multifattoriale in quanto fattori genetici interagiscono con fattori ambientali. La componente genetica è importante, esistono casi di PCOS all'interno della stessa famiglia: sorelle, madri, figlie, tanto che alcuni studiosi considerano la sindrome come una patologia a trasmissione legata ad un gene presente sul cromosoma X.

Credits: Foto di @holdosi

Che cosa provoca la PCOS?
I sintomi sono molto variabili, possono esservi quadri sfumati con caratteristiche diverse da una paziente all’altra, fino a condizioni importanti. In particolare si riscontrano:
- sterilità o infertilità nel 60-70% dei casi
- irsutismo (aumento della peluria), nel 65% dei casi, e virilizzazione (comparsa di peli in aree maschili) nel 10% dei casi
- amenorrea (assenza di mestruazioni) nel 50% dei casi
- metrorragie disfunzionali nel 30% dei casi
- obesità nel 40% dei casi
- acne nel 10-20% dei casi

 

Un'importante implicazione e fattore causale della PCOS, riguarda il metabolismo degli zuccheri: le pazienti con la sindrome, infatti, possono essere spesso in sovrappeso o obese, con un aumento dell'insulina, l'ormone che serve ad abbassare i livelli di glicemia nel sangue. Per questi motivi è importante che la paziente con PCOS attui una prima fase di terapia impostata sulle modifiche dello stile di vita, come una dieta sana ben bilanciata con pochi zuccheri semplici e una adeguata attività fisica aerobica. Talvolta, lo stile di vita da solo, che pure è indispensabile, non basta e può essere necessario aggiungere una terapia medica, ad esempio farmaci che migliorano il metabolismo glicemico oppure ad esempio la pillola anticoncezionale, che ha lo scopo di regolarizzare il ciclo mestruale e ridurre la percentuale di androgeni circolanti.

CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da fred1963
     

    è possibile che questa sindrome alterando gli ormoni abbia effetto anche sulla sessualità del soggetto?

LASCIA UN COMMENTO



Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami