Home » Sesso » Contraccezione » Calcolo dei giorni fertili

Calcolo dei giorni fertili

Il calcolo dei giorni fertili è un metodo contraccettivo naturale che non ha effetti collaterali. Si tratta però di metodi con efficacia nettamente inferiore rispetto a quelli tradizionali e soprattutto non proteggono da malattie sessualmente trasmissibili

Calcolo dei giorni fertili

Calcolo giorni fertili

I metodi naturali di contraccezione

La regolazione naturale della fertilità si basa sull’astensione dai rapporti genitali nel corso del periodo fertile del ciclo femminile che è identificato con specifici sistemi.



Dettagli metodi per calcolo giorni fertili

  • Il metodo del ritmo o metodo Ogino Knauss
    Questo metodo prevede il calcolo dei giorni fertili identificando la probabile ovulazione il 14° giorno prima della futura mestruazione che viene presunta mediante una media dei 6 cicli precedenti. Tale metodo ha una elevata percentuale di fallimento (10%) soprattutto in soggetti che hanno cicli ormonali superiori a 32 giorni o inferiori a 26.
  • Misurazione della temperatura basale
    La misurazione deve essere eseguita con apposito termometro ogni mattina prima di alzarsi dal letto ed riportata in apposita griglia. A circa metà ciclo si verifica un innalzamento della temperatura di circa un grado dovuta all’avvenuta ovulazione. Considerando che la sopravvivenza media degli spermatozoi nelle vie genitali femminili è di 5 giorni e che la sopravvivenza dell’uovo è di circa 24 h, i giorni non fertili sono considerati quelli successivi all’innalzamento termico, cioè successivi all’ovulazione.
  • Il metodo di Billings (valutazione del muco cervicale)
    La valutazione prevede l’osservazione delle caratteristiche del muco cervicale che intorno all’ovulazione diventa più abbondante e fluido. Il periodo fertile è quello che comprende il primo giorno dalla comparsa di questa caratteristica fino ai 4 giorni successivi alla fine della stessa. 
  • Metodo del dosaggio ormonale tramite kit domestici
    Questi kit domestici sono stati messi a punto per individuare i giorni fertili usando diverse variabili.
    • Rovumeter è un piccolo dispositivo capace di aspirare il muco vaginale a livello del fornice posteriore e di valutarne il volume. Il volume delle secrezioni cervico vaginali, infatti, varia in maniera significativa durante la fase fertile raggiungendo il livello massimo 48-24 ore prima dell’ovulazione.
    • CUE - Un altro dispositivo “CUE” proposto da Freundl è uno strumento capace di misurare le resistenze elettriche della saliva e delle secrezioni vaginali e le loro variazioni durante il ciclo mestruale segnalando così i periodi fertili.
    • Persona® - Recentemente è stato proposto un dispositivo chiamato Persona® che misura i livelli urinari di LH ed estrose-3-glucuronide, un metabolico dell’estradiolo. La rilevazione dura pochi secondi ed è eseguito mediante uno stick che va tenuto nel getto delle prime urine del mattino e quindi sottoposto alla lettura dell’apparecchio che è capace di memorizzare i valori ormonali registrati e la lunghezza di ogni ciclo e il primo giorno del periodo fertile. Una spia rossa o verde comunica il risultato dell’elaborazione dei dati (rosso= fertile e verde = non fertile). L’indice di Pearl di questo metodo è circa 2.
  • Metodo sintotermico
    Queto metodo unisce il metodo Ogino Knauss, a quello della temperatura basale e del muco cervicale arrivando a una percentuale di fallimento del 2% ( se eseguita in maniera corretta)

I metodi naturali hanno molti vantaggi in quanto non sono gravati da effetti collaterali, educano gli adolescenti ad una corretta interpretazione del valore della sessualità, sono dichiaratamente sostenuti dalla chiesa cattolica e sono economici. D’altra parte, tuttavia, sono gravati da un’efficacia variabile e nettamente inferiore rispetto agli altri metodi, e soprattutto dipendono da un costante impegno di entrambi i partner e i periodi di astinenza possono determinare uno stress psicologico. Inoltre, necessitano di un periodo di training e non hanno alcun effetto protettivo nei confronti delle malattie sessualmente trasmesse.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da buddilio
     

    non sapevo bisognasse sapere così tante cose per mettere incinta una donna

LASCIA UN COMMENTO



Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami