Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

Come sopravvivere ai mondiali: guida per tifosi e non

Ore piccole per chi seguirà le partite ma anche per coloro che vorrebbero dormire ma sono disturbati dai vicini o dal fidanzato che tifa a squarciagola. Ecco dei consigli utili per uscire indenni da questo Mondiale 2014
  Di Bianca Fracas - PsicoSessuologa

Manca poco al fischio del calcio di inizio e da oggi fino al 13 luglio saranno molte le persone attaccate agli schermi per tifare la Nazionale. Che si faccia parte di coloro che staranno in piedi fino a tarda notte per seguire la squadra, o di quelli che del calcio non importa nulla, tutti devono imparare a sopravvivere a questo mese di partite.
A causa del fuso orario spesso si giocherà quando in Italia è tarda sera, e chi vorrà seguire il calcio dormirà davvero poco, tenendo sveglie anche fidanzate e vicini di casa.


Se sei un tifoso
Dal momento che in Brasile sono presenti ben tre fusi orari diversi, a seconda della zona, quest'anno i tifosi della Nazionale dovranno armarsi di pazienza e accettare l'idea di guardare le partite quando da noi sarà notte. Soprattutto la cosa dura sarà risvegliarsi l'indomani e andare al lavoro. Per evitare di essere degli zombie stressati e assonnati però si può fare qualcosa.


Se non tifi ma sei disturbato da chi lo fa
Non tutta la popolazione è tifosa, ci sono molte persone a cui del calcio non interessa proprio nulla. Ma i Mondiali probabilmente terranno svegli anche loro. Per evitare che le notti dei non tifosi si trasformino in momenti di rabbia e nervosismo noi suggeriamo alcune cose che aiuteranno a sopravvivere.

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa