Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

Culotte de cheval: i migliori rimedi per combatterla

L'adipe nel retrocoscia è il tuo problema? Segui i nostri consigli per combattere questo tipo di cellulite
  Di Elisa Gamberi

La culotte de cheval è un tipo di cellulite piuttosto insidiosa, difficile da combattere e che affligge molte donne. Si tratta di uno strato adiposo che si accumula nella zona compresa tra coscia e gluteo che allarga la figura e la rende sproporzionata. Anche le donne magre possono averla, indice del fatto che non si forma come conseguenza di un aumento di peso.

Eliminarla non è una cosa semplice: non basta un'attività fisica generica ma sono necessari esercizi mirati e piccoli trucchi per snellire il retro coscia e tonificare la pelle. In più bisogna lavorare in sinergia su tutti i fronti, includendo quindi anche dieta e prodotti cosmetici per un'azione esterna.

Come si forma la culotte de cheval?
Il motivo principale della formazione dei cuscinetti tra gluteo e coscia è una postura scorretta, causata soprattutto da un alterato appoggio della pianta del piede spesso dovuto dall'uso frequente di scarpe con i tacchi alti. Indossare abitualmente questo tipo di calzature porta ad un'eccessiva sporgenza del sedere all'indietro e ad una scorretta posizione delle gambe che rimangono costantemente semi piegate.
Questa postura errata crea un forte accumulo di tensione nella parte esterna della gamba che impedisce la regolare attività circolatoria provocando di conseguenza un ristagno di liquidi. La cattiva circolazione favorisce l'insorgenza della cellulite che accumulandosi nella fascia che comprende la zona sotto il gluteo e la parte laterale della gamba, va a formare la fatidica culotte de cheval.



Alimentazione
Le regole da seguire sono quelle della dieta anticellulite ovvero:


Per coadiuvare maggiormente l'eliminazione dei liquidi in eccesso è consigliabile assumere delle tisane anticellulite a base di bardana, equiseto, anice, sambuco, zenzero e limone.


Attività fisica
Per eliminare la culotte de cheval sono necessari degli esercizi mirati da integrare al normale allenamento che non dovrebbe mai mancare. Il connubio perfetto sarebbe quindi un'attività cardio brucia grassi come la corsa, lo spinning, la zumba o un corso di ballo che agisce a livello generale, da alternare con una serie di esercizi specifici per rimodellare e scolpire la zona interessata.

Ecco alcuni esempi:


Di seguito un video utile con una sessione di esercizi specifici:



Non solo gambe!
Allenare solo la parte inferiore non è sufficiente per ottenere i risultati sperati: concentrarsi esclusivamente sull'inestetismo può addirittura peggiorare la situazione. Per alleggerire le gambe dal ristagno dei liquidi è fondamentale allenare anche i muscoli delle braccia e del tronco. La stimolazione alternata della muscolatura superiore ed inferiore è un metodo efficace per accelerare il metabolismo e favorire lo smaltimento dei liquidi.


Creme &Co.
Per completare il programma di eliminazione della culotte de cheval è necessario individuare i prodotti giusti e i trattamenti fai da te per ridurre gli accumuli adiposi. I principi attivi che non devono mancare nelle creme per il trattamento della zona in esame sono la caffeina, le alghe e la carnitina, tutti ad effetto lipolitico.
Per un trattamento d'urto sono ottimi i fanghi: in commercio ce ne sono davvero tanti ma se non si vuole spendere un patrimonio è possibile realizzarli in casa da soli con il cacao.

Un altro prodotto consigliatissimo è lo scrub: elimina le cellule morte e stimola la microcircolazione facilitando così la penetrazione dei principi attivi dei prodotti che si applicano per il trattamento locale. Anche in questo caso il fai da te è una soluzione eccellente: si può optare per il semplice scrub a base di olio e sale, oppure sceglierne uno tra quelli anticellulite, come ad esempio il thalasso scrub, più sofisticato e completo.

Riguardo le creme c'è l'imbarazzo della scelta, però la prima cosa da valutare è la texture. Prodotti in gel sono di più rapido assorbimento, quindi comodi da applicare ad esempio dopo la palestra quando ci si deve rivestire subito. È bene sapere però che le creme più corpose richiedono un massaggio più lungo per il loro assorbimento e l'automassaggio è uno dei modi migliori per combattere la cellulite, dato che stimola la circolazione e riduce i cuscinetti localizzati.
Sarebbe bene quindi abbinare un gel da applicare quando si ha più fretta ad una crema più ricca, da massaggiare per almeno dieci minuti con movimenti rotatori partendo dal basso verso l'alto.

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa