Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

In amore bisogna dirsi tutto?

L'amore come fusione di due corpi nella stessa anima, ma sempre nel rispetto dell'individualità di entrambe le persone. Non sempre dire tutto fa star bene, sapete perché?
  Di Bianca Fracas - PsicoSessuologa

Talvolta si è così presi dall'entusiasmo di una nuova storia d'amore che cediamo alla tentazione di aprirci completamente con il partner, svelando ogni minimo segreto.

Pare addirittura che la nuova tendenza tra i giovani americani sia quella di scambiarsi le password di internet e cellulari con il partner: un modo per dichiararsi amore eterno e fiducia totale, ma anche un errore che può costare caro, non solo da giovanissimi: il più delle volte è come lanciare un boomerang e prima o poi le conseguenze si fanno sentire.

In tutte le storie d'amore c'è una fase il cui il cuore prende il sopravvento sulla ragione e ciò porta a fare scelte impulsive; inoltre nei primi mesi di una storia è talmente forte il desiderio di fondersi totalmente con l'altro che si tende ad abbattere ogni segreto, raccontando tutto di sé e del proprio passato. Con il passare del tempo, però, è normale che in ciascuno di noi riemerga il bisogno di riappropriarsi dei propri spazi “segreti”, ma se fino a poco prima si condivideva tutto, l'impresa non è più semplice.

In amore bisogna dirsi tutto
Diritto di Privacy anche nella coppia
La privacy, intesa dalla legge come riservatezza sulla propria persona e la propria vita, è un diritto inviolabile di ogni individuo e non deve venire meno nemmeno nei rapporti a due. La cosa non si contrappone ai valori dell'amore di condivisione, compartecipazione e unione, ma tutti hanno il diritto a mantenere uno spazio solo per sé, senza che il partner si senta messo da parte.
Il vero rapporto amoroso non è fatto da due metà ma da due interi
e, anche se innamorata e dedita all'altro, ogni persona deve salvaguardare una dimensione individuale che non intacca il valore della relazione, ma è segno di rispetto, maturità e stima di sé. E se si vuole che la relazione funzioni, la privacy va rispettata.

In amore bisogna dirsi tutto
Io, tu, noi
Nei rapporti amorosi esistono tre dimensioni distinte: io, tu e noi. In alcune situazioni è giusto prevalga la dimensione di coppia, il noi, ma è importante non perdere mai di vista le unità individuali, l'io e il tu. Ogni individuo e ogni coppia è libero di scegliere dove finisce l'io e inizia il noi, ma i problemi sopraggiungono quando le volontà di uno dei due non coincidono con quelle dell'altro.
Comunque è bene sapere che non sempre chi dice tutto non ha nulla da nascondere e chi invece sta in silenzio ha dei segreti pericolosi: l'apertura verso l'altro dipende dal carattere, dalle esperienze vissute e c'è chi è più aperto e chi più riservato.
Ogni coppia deve trovare un equilibro tra la dimensione individuale e quella di coppia e ciascuno deve sapere fino a che punto può spingersi nell'indagare nella vita dell'altro, sul suo passato, sui suoi vecchi amori e le vecchie amicizie.

Quando è giusto mantenere la privacy
Partendo dal presupposto che ogni coppia è libera di comportarsi come meglio crede, è anche giusto sapere che condividere alcune cose personali, con il tempo può causare problemi. I casi sono i seguenti:

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa