Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

23° settimana di gravidanza

Stai per terminare il secondo trimestre di gravidanza, il pancione comincerà ad essere un po' ingombrante ma in compenso il tuo bambino sta continuando a crescere e sta cominciando a maturare il suo pancreas
  Di Dott.ssa Eleonora Di Gangi - Ginecologa

Finalmente stai per concludere il secondo trimestre di gravidanza. Ti sentirai meglio rispetto ai mesi precedenti soprattutto perché il tuo corpo si è adattato ai cambiamenti che la gravidanza ha portato. Il tuo bambino è completamente formato.

PER LA MAMMA: COME CAMBIA IL TUO CORPO
L’utero ha ormai oltrepassato la linea ombelicale e questo nuovo “ingombro” ti porterà a cambiare alcune tue abitudini, il pancione ad esempio non ti farà più dormire nelle posizione usuali di prima, soprattutto se sei abituata a dormire a pancia sotto questo non ti sarà più possibile, anche perché sarà lo stesso bambino a farti capire le posizioni in cui sarà meglio dormire: se in una posizione sarà scomodo, comincerà a calciare così forte da farti cambiare posizione.

L'aumento di volume dell'utero porterà ad una sovradistensione delle fasce muscolari e potrebbero iniziarti le cosiddette contrazioni di Braxton-Hicks, si tratta di indurimenti dell’utero simili alle contrazioni vere ma molto più deboli ed inefficaci. Comunque se si dovessero presentare consulta subito lo specialista per una visita che ti farà capire il tipo di intensità di contrazione avuta rispetto al cambiamento del collo dell’utero.

Il tuo peso a questo punto della gravidanza deve essere aumentato di circa 6-9 chili non di più, questo aumento di peso ti porterà fastidi che ti accompagneranno e aumenteranno nei mesi successivi. Ad esempio se soffri già di cattiva circolazione alle gambe, potrebbero iniziare a comparirti venne varicose o capillari rotti. Le gambe e soprattutto i piedi a fine giornata saranno più gonfi del solito e potrebbero darti dei dolori tipo crampi alle gambe. In questo caso cerca di bere molta acqua ed integrare sali minerali per aiutare la circolazione sanguigna e ridurre anche gli episodi di crampi.

Potrebbero inoltre venire fuori le emorroidi che oltre ad un fastidioso prurito anale, potrebbero sanguinare soprattutto dopo un'evacuazione, facendoti allarmare inutilmente. Per risolvere questo problema puoi applicare delle creme specifiche che possono essere usate anche in gravidanza, ovviamente previo consulto del tuo specialista.
%INTERRUZIONE[Il tuo bambino]%
IL TUO BAMBINO A 23 SETTIMANE
Il peso del tuo piccolino è di circa 450 grammi ed è lungo 29cm. Il tuo bimbo ormai è completamente formato; la crescita varierà da feto a feto in base soprattutto alla genetica paterna e materna e all’adeguatezza della placenta, infatti d'ora in poi è importante tenere d'occhio il parametro della crescita del tuo bambino per capire se la placenta sta crescendo adeguatamente e che funzioni adeguatamente, soprattutto nelle donne con fattori di rischio cardiovascolari, come ipertensione arteriosa, obesità, patologie note della coagulazione, o ad esempio nelle donne che purtroppo hanno avuto più di un aborto spontaneo.

La pelle del tuo bambino è ancora grinzosa, questo perché non si è ancora ben formato lo strato di adipe sottocutaneo. Il suo pancreas sta cominciando a maturare in queste settimane e comincerà a produrre l’ormone insulina, fondamentale per il metabolismo degli zuccheri.

Nel video: ecografia alla 23° settimana di gravidanza.
%INTERRUZIONE[Esami e visite]%
CONTROLLI DA FARE
Se ancorano non l’hai effettuata, ora è il momento di eseguire la cosiddetta ecografia morfologica o del secondo trimestre, importantissima perché esaminerà il tuo bambino organo per organo, ne valuterà la crescita ed eventuali malformazioni organiche o difetti di crescita.

Se ancora non hai effettuato un emocromo di controllo, è importante che tu faccia al più presto l’esame del sangue per controllare che l’anemia sia regolare e non al di sotto di valori che renderebbero difficile l’ossigenazione tua e del tuo bambino.
Ricordati poi che devi effettuare il test per la toxoplasmosi se ancora non l’hai avuta e il test di Coombs se hai l’RH negativo.

Se i senti bene ed informa e non hai avvertito alcun dolore soprattutto addominale, in questa fase non è necessario che tu effettui visite ginecologiche, sei ancora lontana dall’avere l’attività contrattile di fine gravidanza, e quindi se ti senti bene non è necessario eseguire ulteriori controlli.
%INTERRUZIONE[Alimentazione e consigli per rimanere in forma]%
DIETA E BENESSERE
Continua ad alimentarti in maniera corretta ed equilibrata e se fino ad ora non l’hai fatto, è il tempo di iniziare, visto che da questo momento in poi il peso aumenterà in maniera esponenziale dato che anche il tuo bambino crescerà velocemente e il suo peso si farà sentire.

Evita di mangiare tanti dolci ma conceditene uno ogni tanto, così come i cibi sfiziosi e succulenti come le pietanza fritte, non abusarne perché apportano solo grassi inutili e nessuna quantità di proteine, così preziosi e importanti per la crescita del tuo bambino.

Ti ricordo che devi stare attenta anche alle bevande zuccherate come i succhi di frutta e le bibite gassate, sono bevande ricche di zuccheri che non portano nutrimento al tuo bambino, anzi contribuiscono ad uno sbilanciamento di zuccheri nel sangue che può diventare dannoso per il tuo piccolo e il suo organismo ancora immaturo.

Bevi almeno 2 litri di acqua naturale al giorno in modo da eliminare una maggiore quantità di liquidi in eccesso accumulati durante la giornata.

Non mangiare cibi troppo speziati soprattutto la sera: il tuo stomaco già risente della pressione dell’utero che lo spinge in alto, dandoti quindi quel spiacevole bruciore e crampi che soprattutto quando ti metti sdraiata possono renderti le notti insonni; a maggior ragione la sera cerca di fare pasti leggeri e non elaborati in modo da favorire una buona digestione.
%INTERRUZIONE[Consigli]%
I NOSTRI CONSIGLI
Fai tante camminate all’aria aperta quando possibile, cerca di mantenerti in forma senza esagerare nel movimento. Importanti sono i corsi pre-parto, che oltre a darti molti e utili consigli pratici sulla gravidanza, il parto e l’allattamento, ti aiuteranno anche psicologicamente perché starai a contatto con altre donne che sono nella tua stessa situazione. Parlare, confrontarti e intraprendere insieme il cammino verso il parto ti aiuterà ad affrontare con più serenità i vari problemi, anche fisici, che stai avendo in questo momento, soprattutto ti peseranno di meno le ansie e le paure che inevitabilmente ti assaliranno man mano che ti avvicinerai alla fine del tempo di questa tua splendida avventura.

22° SETTIMANA DI GRAVIDANZA 24° SETTIMANA DI GRAVIDANZA

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa