Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

Come lavare le tute da sci

Consigli su come lavare da soli piumini e tute da sci, senza dover ricorrere alla lavanderia
  Di Alessandra Mallarino

Neve, sci, tuta e scarponi: ecco tutto ciò che serve per andare in montagna e lanciarsi su una bella pista provando l’ebbrezza della velocità e la delicatezza della neve.
Molti non aspettano altro che la stagione invernale per mettersi in macchina e affrontare anche code di qualche chilometro, soprattutto durante le feste, per poter sciare nei luoghi più belli che in Italia o all’estero ospitano ogni anno migliaia di patiti della neve.
Quando poi si ritorna a casa però è doveroso sistemare tutto, mettere in ordine e pulire ciò che è sporco, in modo tale da averlo a posto per il week end successivo.
Ecco allora qualche consiglio pratico su come lavare e tenere pulita la tuta da sci.

Questi consigli sono validi sia per la tuta da sci, sia per il giaccone che solitamente accompagna la tuta o il piumino, in generale per i diversi accessori da neve che si usano in montagna.
In inverno sulle piste, e in generale in montagna, si indossano capi costituiti e prodotti con tessuti tecnici, che vanno trattati con attenzione, sempre seguendo le istruzioni, poiché al di là della tuta un piumino potrà essere utilizzato anche quando fa molto freddo in città!
Questi capi di abbigliamento invernali si sporcano non solo in montagna sulle piste (basti pensare ai principianti o ai bambini che magari usano slitte e bob), ma anche pioggia e smog cittadino li rendono facilmente scuri, per questo necessitano di un adeguato lavaggio.


È probabile pensare che una tuta o un piumino siano capi così delicati da poter essere lavati solo ed esclusivamente in tintoria. In verità si tratta invece di capi che quasi mai vanno lavati a secco, dunque va da sé che la tintoria non sia così necessaria, poiché potrebbe andare a impoverire il tessuto che normalmente in queste giacche o tute è stato precedentemente trattato con sostanze impermeabilizzanti.
Dobbiamo allora semplicemente caricare la lavatrice e scegliere il lavaggio a freddo, se la lavatrice domestica fosse troppo piccola, cioè poco capiente, è possibile recarsi in una lavanderia a gettone e operare lì.
Non caricate mai troppo il cestello, che sarebbe buona regola restasse pieno solo fino a metà.
Se si hanno più tute e giacche con diversi colori non è bene mescolarli, meglio lavarli separatamente, consiglio valido in generale anche per i capi normali.

L’importante per questi capi è scegliere il detersivo corretto, quello più adeguato, non utilizzare quelli con sbiancanti o enzimi poiché danneggerebbero le fibre animali o le piume dell’imbottitura.
Non usate ammorbidenti, poiché potrebbero causare dei brutti aloni qua e là per la giacca o la tuta.
In commercio o nei negozi, come i colorifici, esistono degli appositi detersivi proprio per questa tipologia di abbigliamento, prima di usare un detersivo qualsiasi provate a cercarli e vedrete i risultati.


La centrifuga non andrebbe usata durante il lavaggio, o al massimo fino a 500 giri, altrimenti potrebbe danneggiare i tessuti che sono comunque delicati.

Per l'asciugatura, tempo permettendo meglio se è all’aria aperta, dopo aver sbattuto energicamente il capo per ridare vita all’imbottitura di piume, le quali devono asciugare molto bene per evitare ristagno di acqua e conseguente odore sgradevole quando si indossa nuovamente.

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa