Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

Nuove regole per neopatentati

Dal 2011 sono in vigore nuove regole di guida per i neopatentati: ecco a cosa bisogna fare attenzione.
  Di Bianca Fracas - PsicoSessuologa

Spesso la sopravvalutazione di sé, l'inesperienza e la superficialità sono la causa di incidenti, anche fatali, dei giovani che si mettono alla guida.

L'obiettivo delle nuove disposizioni e regole per neopatentati, secondo l'art 117 (Limitazioni della guida) del Codice della Strada, è la tutela dei guidatori più giovani e meno inesperti.
Ma in cosa consistono questi cambiamenti?

Cambia l'esame di guida
Per conseguire la patente e per rinnovare le patenti professionali, da oggi serve una certificazione che attesti il non abuso di alcol e droghe; questa deve essere rilasciata da strutture individuate secondo le disposizioni del Ministero della Salute. Inoltre, se non si supera l'esame teorico per due volte, bisogna ripresentare la domande e i versamenti.
I quiz sono solo in italiano, con 40 domande a risposta secca, e una volta superata la teoria, si può accedere alla prova pratica.

I limiti di velocità e potenza
Per capire se è ancora possibile fare pratica con la macchina di famiglia bisogna controllare la potenza della vettura. Per il primo anno dal rilascio della patente B non si possono guidare veicoli che abbiano una potenza superiore a 55 KW per tonnellata o 70 KW per i veicoli di categoria M1, cioè quelli che consentono di trasportare fino a otto passeggeri. Questo dato è riportato sulla carta di circolazione.
Inoltre per i primi tre anni i neopatentati non devono superare i 100 Km/h in autostrada e i 90 KM/h su strade extraurbane. In caso di superamento la multa va da 148 € a 594 € e la sospensione della patente da 2 a 8 mesi.

Niente alcol e droghe
Per gli under 21 e i neopatentati nei primi tre anni, il livello massimo di alcol nel sangue deve essere pari a zero. Basta solo un bicchiere di birra per rischiare una sanzione da 155 a 624 €, che raddoppia in caso di incidente.
Inoltre per chi guida sotto l'effetto di droghe c'è la sospensione della patente da 1 a 2 anni e l'arresto, o l'affidamento ai servizi sociali da 6 mesi a 1 anno. Per i neopatentati le sanzioni aumentano da 1/3 alla metà.

Al volante a 17 anni?
Anche se manca ancora il decreto attuativo del Ministero dei Trasporti, presto i ragazzi di 17 anni che hanno conseguito la patente A per la moto, potranno anche guidare la macchina. Basterà frequentare un'autoscuola e almeno 10 ore di lezione, esporre un contrassegno “GA” sul veicolo ed essere accompagnati da chi ha la patente da almeno 10 anni. Non sarà però possibile trasportare altri passeggeri.

Novità per le minicar
L'obbligo di conseguire il patentino si estende anche per chi vuole guidare le minicar. Il certificato di idoneità alla guida può essere rilasciato solo dopo aver superato un test di frenata, le manovre di parcheggio, la retromarcia e una valutazione di guida nel traffico sotto l'occhio di un esaminatore.

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa