Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

Life Coach, come ottenere il meglio da se stessi

La figura del “personal trainer”o “coach” è nata in palestra e si è diffusa poi anche nel mondo aziendale. Ma da qualche tempo esiste il life coach, una guida che aiuta le persone a fare delle scelte, a prendere delle decisioni e a raggiungere degli obiettivi personali e professionali. Vediamo quali sono le tecniche e le strategie per migliorare le prestazioni e la qualità della vita.
  Di Bianca Fracas - PsicoSessuologa

Life Coach
Dal pubblico al privato
Il coaching è nato negli Stati Uniti alla fine degli anni 80, e ormai si sta diffondendo in tutto il mondo; sono sempre di più le persone che si rivolgono a una figura di questo tipo per cambiare in meglio alcuni ambiti e aspetti della propria vita. In Italia, per ora, è utilizzato soprattutto in ambito aziendale; sono molte le aziende che si affidano a questo metodo perché vogliono che i dipendenti acquisiscano nuove competenze.

L’allenatore della mente
Il life coach non è né uno psicologo né uno psicoterapeuta, ma un professionista che si occupa di sviluppare le potenzialità di un individuo per fargli raggiungere determinati obiettivi. È fondamentale che tra coach e cliente ci sia fiducia e rispetto reciproco, perché “l’allenatore” affiancherà, ascolterà , sfiderà e incoraggerà il suo cliente per far emergere il meglio di sé. Grazie al suo intervento la persona imparerà delle strategie per aprirsi a nuove prospettive e aumenterà la motivazione per raggiungere degli obiettivi.

Life Coaching
Gli obiettivi
Chi si rivolge al coach non vuole un sollievo psicologico e l’allenatore non si focalizzerà sul passato, ma punterà a concentrarsi sul futuro, rafforzando le capacità individuali per affrontare al meglio nuove sfide. Durante i vari incontri è il cliente a scegliere l’argomento della conversazione e il coach gli porrà domande e osservazioni affinchè la persona riesca a focalizzare in maniera efficace e consapevole gli obiettivi da raggiungere.
Con il life coach si cerca di lavorare su quei settori della vita che non ci soddisfano, trovando il giusto equilibrio tra le varie componenti di vita in modo da ottenere migliori risultati, aumentando la soddisfazione personale.

I compiti del coach
La missione del life coach è ricca di compiti, quali scoprire, chiarire e allineare gli obiettivi del cliente e guidarlo alla scoperta di se stesso. Non bisogna dimenticare che è fondamentale un ruolo autonomia e responsabilità da parte del cliente.

Esistono tre diverse figure di coach con relative metodologie lavorative.

  1. L’allenatore sportivo, che spinge l’atleta a trovare il modo per dare il meglio di sé per raggiungere gli obiettivi in gara.
  2. Il coach aziendale, accompagna il singolo o il gruppo a tracciare le strategie per lavorare con successo, ottenendo maggiori soddisfazioni per sé e il proprio team professionale.
  3. Il coach personale, che aiuta l’individuo che vuole migliorare alcuni aspetti della propria vita e vuole raggiungere un benessere psicofisico,anche arricchendo le sue relazioni con le persone.

A chi rivolgersi
La federazione italiana coach è la prima e più importante associazione professionale di coach italiani. Per saperne di più consultare il sito www.lifecoachitaly.it oppure www.coachfederation.org.

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa